Photoshop 2020: intelligenza artificiale e molte nuove funzionalità

Lorenzo MigliettaLorenzo Miglietta

1 COMMENTI

Photoshop 2020

In questi giorni, in parallelo all’Adobe Max, sono state rilasciate le nuove versioni dei software che usiamo tutti i giorni. Tutti i software sono stati aggiornati, con la versione 2020 di Illustrator e quella di InDesign. Tra questi aggiornamenti, ovviamente, anche quello di Photoshop!

Anche di Photoshop è arrivato l’aggiornamento per il 2020. Photoshop compie 30 anni quest’anno, e i nuovi aggiornamenti per il desktop sono davvero parecchi per festeggiare la cosa. Molti di più dell’anno scorso.

Sei carico? Iniziamo!

Nota prima di iniziare: puoi provare gratuitamente (e legalmente) per 7 giorni Photoshop scaricandolo da questa pagina.

Prima cosa: è cambiato il logo

L’icona di Photoshop e quella di Lightroom sono per il momento le uniche due app della suite Creative Cloud ad essere state aggiornate. Tutti gli altri loghi come quello di Illustrator e quello di InDesign sono rimasti gli stessi.

Il nuovo logo è più arrotondato e con una palette di colori leggermente diversa.

Il nuovo strumento Seleziona Oggetti basato sull’intelligenza artificiale

La più grande novità, che Adobe aveva preannunciato da tempo, è il nuovo strumento di Selezione Oggetti, che funziona con l’intelligenza artificiale e che cambierà completamente il flusso di lavoro di chiunque lavori con Photoshop. In questo video si vede lo strumento all’opera. Pazzesco.

Questa nuova funzionalità è spiegata nel dettaglio anche dai ragazzi di Photoshopfacile nel loro ultimo video.

Ovviamente, nel caso di fotografie un po’ più complesse, come questa del designer Massimo Vignelli, bisognerà comunque andare a perfezionare un pochino i bordi con lo strumento Lazo:

L’immagine qui sopra, su cui ho provato la nuova funzionalità, aveva una bassa risoluzione che ha causato alcuni errori di selezione. Ma, nonostante ciò, il risultato è straordinario.

Inoltre, anche la funzione Seleziona Soggetto della Bacchetta magica è migliorata enormemente e, i due strumenti, possono quindi essere utilizzati insieme per ottenere risultati praticamente perfetti.

È migliorato il Pannello Proprietà

Nel pannello Proprietà, si trovano automaticamente tutti i dati relativi al documento o al livello selezionato senza dover navigare attraverso pannelli e finestre di dialogo.

Una cosa figa sono le nuove Azioni rapide che velocizzano le attività più comuni. Ad esempio, con un solo clic ora si può rimuovere lo sfondo, selezionare il soggetto o convertire rapidamente i livelli di testo in una cornice o una forma.

Questo qui sotto è, ad esempio, tutto l’elenco dei dettagli che vengono mostrati per un livello contenente del testo:

Non si deve più fare Alt+Ctrl+Z per tornare indietro di più passaggi

È stato infatti introdotto l’annullamento multiplo come negli altri software Adobe e si potrà tornare indietro di più passaggi schiacciando semplicemente Ctrl+Z (o Cmd+Z) invece di Alt+Ctrl+Z (o Alt+Cmd+Z).

Sembra una piccola ed insignificante modifica ma è estremamente utile per chi lavora molto sul programma.

Si può zoomare da un livello all’altro

Mi spiego meglio. Prima, per passare da un livello zoomato ad un altro livello zoomato in un’altra area del documento, bisognava per forza zoomare indietro e ri-zoomare nel nuovo punto desiderato.

Da oggi si può semplicemente selezionare lo strumento Zoom (o schiacciare “Z” sulla tastiera) e selezionare il livello da zoomare, nel pannello livelli, tenendo premuto anche Alt (su Windows) o Options (su Mac) e voilà, ti sarai spostato, con lo stesso livello di zoom, nell’altro livello in un altro punto del documento.

Funzione Riempi in base al contenuto migliorata

La funzione Riempi in base al contenuto è una delle più interessanti delle ultime versioni Photoshop e, con questo aggiornamento è migliorata ancora di più. In pratica è una funzione che permette di riempire un’area selezionata in base ad un’area di campionamento definita.

In questo modo (in rosso evidenziato l’elemento che ho rimosso dall’immagine):

Gli aggiornamenti di questo strumento riguardano principalmente il modo in cui si può campionare l’area da cui prendere il contenuto di sfondo. Ci sono 3 nuove opzioni.

  • Automatica: utilizza contenuti simili all’area di riempimento circostante.
  • Rettangolare: utilizza un’area rettangolare intorno all’area di riempimento.
  • Personalizzata: utilizza un’area di campionamento definita manualmente. In questo esempio ho utilizzato questo terzo metodo, che garantisce un miglior controllo usando lo strumento di selezione proprio come un pennello.

Per provare le nuove opzioni dello strumento, ti basta aprire un’immagine e selezionare un’area da riempire (ad esempio col Lazo).

Scegli quindi Modifica > Riempimento in base al contenuto. Le Opzioni dell’area di campionamento sono visualizzate nel pannello del Riempimento in base al contenuto sul lato destro dell’area di lavoro.

La Trasformazione libera ora è uniforme per tutti i tipi di oggetti

Nell’edizione 2019 di Photoshop, quando si andava a ridimensionare un’immagine con lo strumento Trasformazione libera (attivabile con Ctrl+T o Cmd+T), se non si premeva nessun altro pulsante, l’immagine veniva ridimensionata proporzionalmente (cioè rispettando le proporzioni dell’immagine stessa).

La stessa cosa, però non avveniva con le forme (tipo quadrato, ellisse, ecc). Per poterle ridimensionare proporzionalmente bisognava tenere premuto Maiusc.

Ora, invece, Adobe ha uniformato lo strumento Trasformazione libera e qualunque sia il tipo di oggetto c’è il ridimensionamento proporzionale.

Questo sarà quindi il comportamento predefinito di Photoshop. Puoi modificare il comportamento di trasformazione predefinito in ridimensionamento non proporzionale, cliccando sul pulsante Mantieni proporzioni (evidenziato in giallo qui sopra) per DISATTIVARLO.

Quando premuto, il tasto Maiusc funziona ora come comando di attivazione/disattivazione del pulsante Mantieni proporzioni. Se il pulsante Mantieni proporzioni è impostato su ATTIVO, il tasto Maiusc lo imposta su DISATTIVATO una volta premuto, e viceversa.

Da questa nuova versione, Photoshop ora ricorda l’ultima impostazione della trasformazione (ridimensionamento proporzionale o non proporzionale) e la mantiene come comportamento predefinito per la volta successiva in cui usi la funzione.

Si possono salvare i documenti sul cloud Adobe

Da questa versione di Photoshop, si può salvare i documenti all’interno del cloud Adobe. Con l’abbonamento alla Creative Cloud hai a disposizione 200gb di spazio su cui poter caricare i tuoi file.

Una volta salvato il tuo documento nel cloud Adobe potrai aprirlo da qualunque dispositivo semplicemente aprendo la app di Photoshop (ed essendo loggato al tuo account). Il file non rimarrà quindi nel tuo computer ma sul cloud Adobe.

Personalmente è una funzione che non userò, in quanto archivio già automaticamente tutti i miei file sul servizio cloud di Microsoft (1000gb per 100€ l’anno incluso nel pacchetto Office 365), ma si tratta sicuramente di uno strumento che può essere utile a molti

Altre novità e aggiornamenti

  • Sono migliorati i predefiniti per CampioniSfumaturePatternFormeStili. Ci sono pannelli dedicati ai predefiniti di tutti questi elementi (visualizzabili da Finestra > Campioni, Sfumature, Pattern, Forme o Stili) e ci sono anche moltissimi predefiniti disponibili già all’interno del pannello senza doverne scaricare altri.
  • Si può convertire un oggetto avanzato nei livelli del componente senza dover eseguire altri passaggi aggiuntivi. Basta selezionare l’oggetto avanzato nel pannello Livelli ed effettuare una delle seguenti operazioni:
    1. Clicca con il pulsante destro o Clicca tenendo premuto il tasto Control sull’Oggetto avanzato e selezioni Converti in livelli
    2. Seleziona (dal menu) Livelli > Oggetti avanzati > Converti in livelli.
  • Sono finalmente disponibili i set stilistici per i font Open Type, tramite il pannello Proprietà. Era una funzionalità già da tempo disponibile su InDesign ed Illustrato.
  • Introdotta la nuova opzione Chiudi altri, che consente di chiudere tutti i documenti aperti (finestra, mobili o ancorati) diversi dal documento corrente. Attivabile da File > Chiudi altri oppure cliccando col tasto destro su una scheda e selezionando Chiudi altri o ancora con  Ctrl + Alt + P (o Cmd + Options + P).

Puoi provare gratuitamente (e legalmente) per 7 giorni Photoshop scaricandolo da questa pagina.

 

Che ne pensi di questi aggiornamenti? Lascia un commento qui sotto!

Alla prossima,

Lorenzo.

Discussione: