Come convertire del testo in tracciato in InDesign

Stefano BernardiStefano Bernardi

0 COMMENTI

trasformare testo in tracciato in indesign

Sebbene nella maggior parte dei casi sia completamente non necessario e addirittura sconsigliato, continuo a ricevere richieste su come convertire del testo in tracciato in InDesign.

Facendo una veloce ricerca ho anche trovato un bel pò di consigli che non sono più valiti e anzi, sono completamente errati per come funziona InDesign.

Comunque, in questo post cercherò di fare un pò di chiarezza su questo grande dilemma che affligge la maggior parte degli utilizzatori di InDesign quando mandano un documento in stampa. Devo convertire il testo in tracciato nel mio InDesign? E come faccio a farlo?

Qui sotto trovi anche la versione video di questo articolo. Si tratta di una lezione estratta direttamente dal mio corso InDesign Academy, il corso avanzato per imparare a lavorare con InDesign.

Come convertire una sola parola (o un gruppo di parole) in tracciato

  1. Seleziona una parola, o un gruppo di parole, o un box di testo.
  2. Clicca su Testo > Crea profili.
Convertire il testo in tracciato in InDesign

Come convertire tutto il testo in tracciato in InDesign (documento intero)

Ad inizio post ti ho anticipato come non sia necessario creare il tracciato dei testi.

Nel caso non ti bastasse la mia parola, qui trovi una traduzione di una dichiarazione di Dov Isaacs, Adobe Principal Scientist:

Siamo a conoscenza di vari “fornitori di servizi di stampa” che hanno l’errata impressione che convertire il testo in contorni sia in qualche modo più affidabile che lasciare il testo come testo realizzato da caratteri. A parte alcuni vecchi RIP (Raster image processor) basati su una tecnologia non Adobe, risalente a oltre quindici anni, non siamo a conoscenza di alcun problema durante il processo RIP causato da dei Font. Se il carattere è incorporato nel PDF e visualizzato correttamente in Adobe Acrobat, tutto dovrebbe funzionare! Se hai un “Font errato”, allora non sarai in grado né di visualizzare il file PDF in Acrobat né di convertire il testo in contorni.

Ad ogni modo, se hai davvero la necessità di creare i profili dei tuoi testi, il modo più veloce è usare Adobe Acrobat (c’è un metodo per farlo anche direttamente in InDesign, ma ha smesso di funzionare con la CC 2017, ed era anche molto più lungo).

  1. Crea il PDF da InDesign.
  2. Apri il PDF in Adobe Acrobat Pro DC;
  3. Vai a cliccare sull’icona Altri strumenti nella barra a destra (è l’ultima voce della colonna);
  4. Nel sottomenù Proteggi e standardizza clicca su Produzione di stampe;
  5. Nella barra che ti si apre a destra, clicca su Correzioni PDF > (oppure cerca nella barra di ricerca) Converti font in contorni;
  6. Seleziona l’opzione e clicca su Analizza e correggi.
  7. A questo punto salva il PDF con un nuovo nome.

Se vuoi controllare che tutti i Font siano stati trasformati in tracciati:

  1. Clicca su File > Proprietà > Font
  2. Se non vedi nulla dentro il pop-up allora hai la conferma che tutti i testi sono stati trasformati in tracciati dentro il tuo PDF.

Perché convertire il testo in tracciato in InDesign (e perché NON farlo)

Come ti avevo anticipato ad inizio post, convertire il testo in tracciato all’interno di InDesign, la maggior parte delle volte, è inutile e addirittura dannoso.

Si tratta di uno di quei “miti” che sono rimasti dai tempi antichi, da quanto InDesign neppure esisteva. La verità è che non devi assolutamente creare i profili dei tuoi testi.

Davvero, l’unico motivo per il quale convertire i testi in profili è nel caso in cui to voglia modificare la forma delle lettere o creare qualche effetto artistico particolare ad una parola.

Sfortunatamente, questa pratica è tuttora imposta da alcune service di stampa che insistono nel non voler ricevere dei PDF nel caso in cui i testi non siano stati trasformati in profili. Ma la verità è che questa pratica è nociva per il tuo documento e, quando ti viene imposta, dovresti semplicemente cambiare fornitore.

Dal punti di vista legale

La verità è che InDesign incorpora sempre i caratteri nel PDF se l’EULA (il Contratto di licenza dei caratteri) dice che è possibile farlo. Entrando nel legale, se pensi di andare oltre a queste restrizioni convertendo i caratteri in contorni, sappi che quei Font che vietano di essere incorporati, vietano anche la conversione in contorni.

Perché non convertire il testo in tracciati

Ci sono fondamentalmente due grossi motivi per i quali non convertire i testi in tracciati in InDesign:

  1. La struttura del testo degraderà la qualità tipografica del testo. Perché? Quando effettui questa conversione, i glifi vengono trasformati in forme, e perdono alcune automazioni che sono inserite nei Font e che permettono di mantenere una buona qualità quando il testo è visualizzato in bassa risoluzione o stampato in piccolo (per approfondimenti qui trovi una conversazione a riguardo dalla quale ho rubato l’immagine che vedi sotto, mentre qui trovi un altro testo che va un pò più nel dettaglio)
  2. Come abbiamo visto sopra, alcuni attributi vengono persi perché non fanno parte del carattere stesso, ma vengono applicati da InDesign (sottolineatura, barrato, punti elenco, numerazione, etc.). Abbiamo anche visto che nel caso volessi per forza trasformare il testo in tracciati, c’è un metodo che ti consente di mantenere tutte le impostazioni che hai dato al testo.
Differenza testo normale stampato e testo convertito in tracciato
In questa immagine puoi vedere la differenza di risultato in stampa tra i testi inseriti normalmente e i testi convertiti in tracciato dentro InDesign.

Oltre a questi due grossi motivi, va aggiunto che:

  1. Non c’è via di ritorno. Una volta convertito il testo in profili, ti troverai a lavorare con delle forme, non potrai più tornare ad avere il testo e quindi non potrai più editarlo in alcun modo.
  2. Il PDF che otterrai sarà molto più pesante di un PDF normale perché qualsiasi lettera diventerà una forma.

Dubbi ed obiezioni più comuni

“Un font potrebbe risulare corrotto”

La probabilità che un Font sia corrotto è la stessa che il file PDF che stai inviando sia corrotto. Il creare il profilo dei tuoi testi non avrà alcun effetto nel prevenire eventuali errori di trasferimento.

“Il computer del mio stampatore potrebbe avere un Font con lo stesso nome del mio, ma di una versione leggermente diversa”

Si, è vero, i Font vengono spesso aggiornati e questo può, a volte, creare dei problemi quando si modifica un documento. Appunto per questo ti consiglio di mandare sempre il PDF allo stampatore e mai il pacchetto!

Mandare il PDF è il metodo più sicuro perché i Font che vengono incorporati all’interno del PDF ricevono un nome univoco, quindi sarà impossibile che nel computer in cui viene aperto il PDF ci sia un Font con lo stesso nome che vada ad alterare la visualizzazione del tuo testo.

“Il Font incorporato può perdere dei glifi particolari”

Tutto quello che ti serve per visualizzare un testo con il Font che hai impostato in InDesign viene incorporato dentro il PDF, quindi c’è zero possibilità che questo succeda.

Conclusione: come comportarsi

Se c’è qualcosa di errato con i tuoi font, InDesign ti darà sempre un chiaro avviso di errore spiegandoti cosa c’è di sbagliato, se non lo fa, significa che tutto è ok.

Ma quindi, cosa devi fare tu in pratico per evitare problemi?

Quasi sempre, la risposta migliore è:

  1. Utilizzare i caratteri che consentono l’incorporamento (per non sbagliare utilizza i Font che trovi dentro TypeKit)
  2. Consentire a InDesign di incorporare i caratteri quando si crea un file PDF (è già così di default).
  3. Usare sempre il PDF per stampare e non mandare il pacchetto con i Font, immagini, etc. etc.

In questo modo, il tuo documento potrà essere stampato senza nessun problema.

Come puoi ben capire, ci sono moltissime altre cose da dire riguardo InDesign e come creare un PDF adatto alla stampa.

Proprio per questo ho costruito il corso InDesign Academy, il corso avanzato di Grafigata dedicato a questo straordinario software.

In questo corso non ti vado solamente a spiegare tutte le funzioni più importanti ma ti voglio proprio insegnare un metodo efficiente di lavoro, che ti permetta di poter maneggiare in modo professionale Adobe InDesign.

Puoi scoprire tutti i dettagli sul corso andando su questa pagina!

Stefano

71 Condivisioni

Discussione: