Il MacBook Pro 16 è il miglior portatile professionale? – Grafi-Recensione

Daniele PianiDaniele Piani

0 COMMENTI

macbook-pro-16

Il nuovo MacBook Pro da 16 pollici è stato presentato a novembre dalla Apple ed è stato subito molto apprezzato dai fan della Mela e dai professionisti che ci lavorano.

Se sei interessato all’acquisto del nuovo MacBook Pro 16 per poterlo usare in ambito professionale e vuoi capirne di più, beh, sei sul posto giusto!

Ti trovi infatti nella Grafi-Recensione del nuovo MacBook Pro su Grafigata Tech, il sito dedicato alla tecnologia per designer.

Bene, sei pronto per partire? Andiamo!

Il nuovo MacBook Pro: panoramica iniziale

Innanzitutto, le informazioni di acquisto. Ecco dove puoi acquistarlo

Partiamo ora con una panoramica di base.

Il nuovo MacBook Pro ha un display retina da 16 pollici, una nuova tastiera completamente ridisegnata e le prestazioni più potenti mai viste fin’ora su un computer portatile della casa di Cupertino.

Ci tengo a precisare questo ultimo punto in quanto sarà oggetto delle conclusioni di questo articolo. Si tratta di un computer tra i più potenti, sarà il migliore?

Sicuramente, quello che si può dire è che ci sono state tante piccole migliorie che sono state enormemente apprezzate dai fan proprio perché erano state richieste esplicitamente ad Apple in quest’ultimo anno.

Insomma: Apple, con questo modello, ha ascoltato davvero i feedback.

Andiamo ad analizzare passo passo tutte le migliorie.

Un nuovo schermo retina da 16 pollici

Il nuovo display di Apple si allarga e raggiunge i 16 pollici. Si tratta del più grande mai montato su un pc portatile.

Ha una risoluzione di 3072×1920 (leggermente inferiore a un 4k) e una densità di pixel di 226 ppi, con 6 milioni di pixel per dei colori estremamente contrastati e nitidi.

Il display risulta già calibrato dalla fabbrica e all’analisi del colorimetro la copertura RGB del nuovo MacBook Pro è di circa 114%, eccellente ma non ancora a livello degli oled.

La magic keyboard è cambiata

Apple è geniale su queste cose. Ha raccolto un mucchio di ricerche su studi di ergonomia, design e altra roba figa, li ha messi insieme e ha regalato all’utilizzatore finale una tastiera silenziosa, confortevole e una sensazione di stabilità dei tasti premuti incredibile.

Dai primi test sulla “rumorosità della tastiera” emerge come il Pixelbook Go di Google sia leggermente meno rumoroso del nuovo Macbook. Non è quindi il computer più silenzioso della lista ma rimane, comunque, un computer con tastiera estremamente silenziosa.

I tasti del nuovo MacBook sono formati da switch a forbice, composto a sua volta da due parti in plastica sostenute da un perno. Con l’aggiornamento del nuovo MacBook la corsa del perno è maggiore di 5 mm rispetto a prima. Questo permette una più semplice manutenzione e una robustezza dei tasti maggiorata.

Confermati e aggiornati anche il Touch Bar e il Touch Id per una digitazione completa su tastiera e tanti Shortcuts interessanti per essere sempre più efficienti come autorizzare pagamenti con Apple Pay.

Questa devo dirtela: finalmente il tasto “esc” è staccato dal touchbar e ritorna come tasto fisico nella tastiera.

Quando le cose si fanno bollenti: design termico di Apple

Il nuovo MacBook ha una struttura termica avanzata e molto più performante dei suoi predecessori. Con lo sviluppo del nuovo MacBook Pro c’è stata una completa riprogrammazione del design termico del device. Questo anche grazie allo spessore del computer, leggermente più ampio.

In questo modo il sistema operativo è in grado di funzionare a una potenza maggiore rispetto a prima per periodi più lunghi. Grazie alla ventola più grande e prese d’aria maggiorate c’è un flusso d’aria ulteriore del 28%. Anche il dissipatore del calore è ingrandito rispetto ai modelli precedenti. Da test sotto sforzo è stato portato il nuovo MacBook a una pressione di 12 watt maggiore rispetto ai carichi di lavoro precedenti.

I risultati degli interventi termici sul nuovo Macbook sono importantissimi. Sottoposto a stress-test avanzati si è difeso benissimo. La temperatura del Macbook infatti arriva a un picco di 85/90 gradi per poi rimanere stabile, mentre le performance a pieno regime non hanno “crolli” e rimangono stabili intorno ai 3,3GHz.

Arriviamo al sodo: hardware potenti e dove trovarli

Devi montare video molto pesanti? Dedicarti a rendering, rigging, sculpturing e altre attività di grafica avanzata? Hai bisogno di una potenza di calcolo fuori dal normale.

Per questo motivo Apple monta processori 8 core con velocità turbo di nona generazione, il doppio più potenti rispetto al MacBook 15.

Per non parlare delle RAM che partono entry level con una potenza di 16 GB, disponibili fino a 64 giga.

La capacità di archiviazione infine parte da 512 GB e 1 TB per i modelli più “commerciali”, per arrivare a configurazioni su misura da 8 TB di memoria. Non so nemmeno quanti siano 8 TB tutti insieme… e tu? xD

Mentre la CPU parte da un intel i7, per arrivare fino all’i9 dei modelli più potenti. Da questo punto di vista abbiamo un incremento delle prestazioni del 30% rispetto al modello precedente, dovuto soprattutto ai due core in più che presenta il Macbook Pro 16 (8 vs 6).

Per la maggior parte dei professionisti i modelli che ti ho linkato da Amazon vanno benone. Se invece avessi necessità di prestazioni ancora più avanzate, concentrati in primis su GPU, poi RAM e infine la CPU.

Un occhio alla parte grafica

Le nuove schede grafiche AMD Radeon Pro 500 M, con una memoria video GDDR6 e un’opzione VRAM per utenti pro prendono posto nella scocca de, nuovo MacBook. Si tratta di prestazioni raddoppiate per la soluzione grafica standard e circa l’80% maggiori per quelle con configurazioni avanzate.

Per tutte le persone che si chiedessero: e perché non inserire nei modelli avanzati una NVIDIA GFORCE?

Molti parlano di scelta “obbligata” per via delle limitate prestazioni concesse dalla USB C, altri parlano di rapporti assenti tra Apple e Nvidia.

La batteria che sostiene tutto

Per permettere che questa piccola grande bestia funzioni a dovere è necessario che ci sia al suo interno una batteria più potente mai stata creata per un Mac (e anche la più grande).

Considera che questa batteria è della dimensione massima consentita per un viaggio in aereo. Ha 100Wh che, a detta di Apple (ma test internazionali confermano) permette un’autonomia di 11 ore per navigare su web, riproduzione video ecc.

Insomma: Apple, con questo modello, garantisce livelli di autonomia della batteria davvero straordinari.

E infine un focus sull’audio

Jack Audio Macbook Pro e 2 porte USB-C

Il Macbook Pro 16 ha un audio completamente riprogettato con 6 altoparlanti. All’interno del nuovo Macbook pro 16 troviamo nuovi woofer, cancellazione forzata per ridurre vibrazioni indesiderate che distorcono l’uscita del rumore, così che l’output è traccia più chiara e bassi più profondi.

Connettività, porte USB e Micro SD… piccola nota dolente

Tutto bello, tutto nuovo e tutto super funzionante. Se possiamo però trovare un difetto al nuovo MacBook, è sicuramente le poche USB-C incluse. Nel nuovo modello sono presenti “solo 4 alloggi per la USB” che, per la maggior parte delle persone, è ottimo. Tuttavia un computer che si presenta come il miglior laptop per professionisti è lecito aspettarsi altri periferiche, tra cui le classiche USB non collegabili (se non tramite adattatore) al Mac. Inoltre… la cara vecchia micro SD! Microsoft non sembra aver intenzione di prendere in considerazione la possibilità di inserirla nei suoi modelli di Macbook.

Infine dobbiamo parlare anche di altri due problemi che nerd come noi sono soliti individuare.

  1. Non c’è il FACE ID e la webcam è “solo” da 720. Ci aspettavamo qualcosa di più
  2. Il Macbook Pro non supporta il Wifi 6, supportati invece dalla maggior parte di laptop di punta.

Segnaliamo la presenza di un ingresso jack audio per riproduzione musica tramite auricolari (almeno quello ce l’hanno mantenuto!)

Riassunto delle caratteristiche tecniche

Infine, riportiamo le caratteristiche tecniche integrali, riprese dal sito ufficiale di Apple.

Colori

  • Argento
  • Grigio siderale

Display

  • Display Retina
  • Display retroilluminato LED da 16″ (diagonale) con tecnologia IPS; risoluzione nativa 3072×1920 a 226 pixel per pollice; supporta milioni di colori
  • Risoluzioni ridotte supportate:
    • 1920×1200
    • 1680×1050
    • 1280×800
    • 1024×640
  • Luminosità 500 nit
  • Ampia gamma cromatica (P3)
  • Tecnologia True Tone
  • Refresh rate: 47,95Hz, 48,00Hz, 50,00Hz, 59,94Hz, 60,00Hz

Processori

  • 2,6 GHz
    Intel Core i7 6‑core a 2,6GHz (Turbo Boost fino a 4,5GHz) con 12MB di cache L3 condivisa
    Configurabile con Intel Core i9 8‑core a 2,4GHz (Turbo Boost fino a 5,0GHz) e 16MB di cache L3 condivisa
  • 2,3 GHz
    Intel Core i9 8‑core a 2,3GHz (Turbo Boost fino a 4,8GHz) con 16MB di cache L3 condivisa
    Configurabile con Intel Core i9 8‑core a 2,4GHz (Turbo Boost fino a 5,0GHz) e 16MB di cache L3 condivisa

Archiviazione SSD e Memoria

SSD MacBook Pro 16

  • 2,6 GHz
    512GB Unità SSD da 512GB
    Configurabile con unità SSD da 1TB, 2TB, 4TB o 8TB
  • 2,3 GHz
    1TB Unità SSD da 1TB
    Configurabile con unità SSD da 2TB, 4TB o 8TB

Memoria MacBook Pro 16

  • 16GB di memoria DDR4 a 2666MHz su scheda
    Configurabile con 32GB o 64GB di memoria

Comparto grafico

  • 2,6 GHz
    AMD Radeon Pro 5300M con 4GB di memoria GDDR6 e switch della grafica automatico
    Intel UHD Graphics 630
    Configurabile con AMD Radeon Pro 5500M (4GB di memoria GDDR6) o AMD Radeon Pro 5500M (8GB di memoria GDDR6)
  • 2,3 GHz
    AMD Radeon Pro 5500M con 4GB di memoria GDDR6 e switch della grafica automatico
    Intel UHD Graphics 630
    Configurabile con AMD Radeon Pro 5500M (8GB di memoria GDDR6)

Ricarica

Quattro porte Thunderbolt 3 (USB‑C) per:

  • ricarica
  • DisplayPort
  • Thunderbolt (fino a 40 Gbps)
  • USB 3.1 Gen 2 (fino a 10 Gbps)

Magic Keyboard e trackpad Apple

  • Magic Keyboard retroilluminata di dimensioni standard
    • 66 tasti (ISO), compresi 4 tasti freccia (disposti a T capovolta)
    • Touch Bar
    • Sensore Touch ID
    • Sensore di luce ambientale
    • Trackpad Force Touch per un controllo preciso del cursore, e per abilitare diverse funzioni a seconda della pressione esercitata: clic prolungato, accelerazioni, tratto del disegno variabile in base alla pressione, gesti Multi‑Touch

Wireless Apple

  • Wi‑Fi
    Wi‑Fi 802.11ac; Compatibile con IEEE 802.11a/b/g/n
  • Bluetooth 
    Tecnologia wireless Bluetooth 5.0

Videocamera

  • Videocamera FaceTime HD a 720p

Supporto video

Supporta simultaneamente la risoluzione nativa, in milioni di colori, sullo schermo integrato e:

  • fino a due monitor esterni con risoluzione 6016×3384 a 60Hz e oltre un miliardo di colori
  • fino a quattro monitor esterni con risoluzione 4096×2304 a 60Hz e oltre un miliardo di colori

Uscita video digitale Thunderbolt 3

  • Uscita DisplayPort nativa via USB‑C
  • Supporta le uscite VGA, HDMI, DVI e Thunderbolt 2 tramite adattatori (in vendita separatamente)

Audio

  • Sistema a sei altoparlanti hi‑fi con woofer force-cancelling
  • Ampio suono stereo
  • Riproduzione Dolby Atmos supportata
  • Tre microfoni in array, di qualità professionale e con rapporto segnale/rumore elevato e beamforming direzionale
  • Jack da 3,5 mm per cuffie

Batteria e alimentazione2

  • Fino a 11 ore di navigazione web in wireless
  • Fino a 11 ore di riproduzione di film sull’app Apple TV
  • Fino a 30 giorni di autonomia in standby
  • Batteria integrata ai polimeri di litio da 100 wattora2
  • Alimentatore USB‑C da 96W

Requisiti operativi

  • Voltaggio: da 100V a 240V CA
  • Frequenza: da 50Hz a 60Hz
  • Temperatura operativa: da 10 a 35 °C
  • Temperatura di stoccaggio: da ‑25 a 45 °C
  • Umidità relativa: da 0% a 90% in assenza di condensa
  • Altitudine operativa: testato fino a 3000 m
  • Altitudine massima di stoccaggio: 4500 m
  • Altitudine massima di trasporto: 10.500 m

Dimensioni e peso

  • Altezza: 1,62 cm
  • Larghezza: 35,79 cm
  • Profondità: 24,59 cm
  • Peso: 2,0 kg3

Sistema operativo

macOS
Il sistema operativo macOS rende straordinario tutto ciò che fai sul Mac. E con macOS Catalina hai nuove app dedicate a musica, TV e podcast, funzioni ancora più smart nelle app che già conosci, e Sidecar, che ti permette di usare il tuo iPad come secondo display. Immagina tutto quello che fai ogni giorno, spinto al massimo.

Il nuovo MacBook è il miglior portatile in circolazione?

Gira che ti rigira la domanda alla fine andava posta. La nostra risposta è semplicemente probabilmente si.

Voglio prendere una posizione molto netta da questo punto di vista. Il MacBook Pro è un computer formidabile per lavorazioni grafiche avanzate. Ha una potenza di calcolo incredibile (e anche dei costi altini).

Esistono altre workstation con sistema operativo windows che, a nostro avviso, non hanno chissà quanto da invidiare a questo nuovo modello della Apple.

Certo è che chi è solito sceglie Apple (o chi è incuriosito a passarci) e necessita il meglio sul mercato deve acquistare questo nuovo MacBook. Il punto di forza dell’azienda di Cupertino, ancora una volta, è di ascoltare attentamente le esigenze della propria community e mettere sul mercato una versione che le rispetta in pieno (o quasi!). Che dire, ottima execution!

Detto questo la “categoria” professionisti è veramente ampia. Parlare di miglior Laptop per professionisti è azzardato perché la visione del prodotto cambia da “professionista a professionista”, appunto. Quello che possiamo dirti è che per comparto grafico, prestazioni e display è assolutamente promosso a pieni voti.

Per questo ti riproponiamo le 2 versioni più commercializzate:

Per gli altri modelli superiori, rimandiamo alle soluzioni custom sul sito dell’apple.

Alla prossima,

Daniele.

Discussione: