Lorenzo MigliettaLorenzo Miglietta

Ho provato il primo sketchbook per designer

6 COMMENTI

Il primo sketchbook per designer

Si sa, il disegno è uno degli aspetti fondamentali per un designer, ci si può chiedere se un designer debba saper disegnare oppure no (giungendo alla conclusione che non serve essere un artista, ma però…) o ricevere la stereotipata frase “ahh, ma allora ti piace disegnare!” quando dici che fai il graphic designer come mestiere.

Insomma, quello che voglio dire è che il designer nasce su un foglio di carta e il disegno è parte integrante del nostro lavoro quotidiano. È una delle fasi principali per quando si costruisce un logo, si inizia disegnando un progetto per un’infografica e si parte da sketch, ovviamente, quando si vogliono fare illustrazioni vettoriali.

Io, da sempre, per disegnare come passatempo, ho utilizzato il classico blocco della Moleskine, quello con i fogli bianchi e leggermente ruvidi, per intenderci. È assolutamente perfetto per quando si devono fare disegni un po’ più artistici e sketch a matita.

Ha sempre, però, avuto un piccolo difetto, del quale non mi sono accorto fino a poche settimane fa: per fare progettazione, per fare design, è scomodo. Si finisce ad usare sempre il computer (il che spesso limita la creatività).

Come detto non mi sono mai accorto di questo difetto perché fino a due settimane fa non ho mai avuto a che fare con un’alternativa valida, e cioè lo Sketchbook Canvas della Prophet.

Lo sketchbook Canvas

Alcune settimane fa, sono stato contattato da questi ragazzi di Prophet che hanno sviluppato un nuovo prodotto: lo Sketchbook Canvas. Mi hanno chiesto di provarlo in anteprima e di dire la mia a riguardo.

Inizialmente un po’ scettico (lo ammetto), sono stato comunque spinto dalla mia curiosità e ho accettato. Dopo due o tre giorni ho ricevuto dal corriere il pacco con dentro lo sketchbook, un foglio di presentazione e una matita Non photo blue (poi ti spiego bene cosa centra).

Il miglior Sketchbook per designer

Ma andiamo un po’ a capire bene che cavolo è sto Sketchbook Canvas!

Allora, innanzitutto, che cos’è? Semplice: è un blocco da disegno con 50 fogli in formato A4.

Vabbè, ma, Lorenzo, c’era davvero bisogno di creare un altro blocco da disegno? Ce ne sono un’infinità! Basta andare in cartoleria, dai!

E avresti ragione a pensarlo se non fosse che questo sketchbook è completamente diverso da ciò che si trova in commercio, perché è dedicato al cento per cento ai designer, a chi progetta!

Innanzitutto è costituito da pagine fatte con carta da 170 grammi (quindi va bene anche per pennarelli a base alcolica), inoltre ogni pagina è costituita da una griglia di croci e puntini che è utilissima per chi disegna e progetta cose come loghi, font, infografiche o illustrazioni basate su forme geometriche.

Questa griglia è di colore azzurro, non foto sensibile, il che vuol dire che, scannerizzando o fotografando il foglio, quella griglia sparisce velocemente, basta giocare un attimo con luminosità e contrasto (dopo ti spiego meglio).

I miei “crash test” dello Sketchbook Canvas

Ovviamente, prima di consigliare un prodotto qui su Grafigata, lo testo. E lo testo in modo “intensivo”. Questo sketchbook, in particolare, lo ho testato in ogni modo che mi veniva in mente in cui si possa usare un blocco da disegno.

Crash test numero 1: ho provato su un foglio del Canvas, tutto quello che avevo su scrivania e astucci vari. Matite, china, pennarelli, ecc.

Sketchbook Canvas prova

Risultato: è perfetto per ogni strumento specialmente con matite (ovvio) e con pennarelli di qualsiasi genere (indelebili, pantone, alcolici, a vernice) tranne che per quelli a china, con i quali bisogna stare un po’ attenti perché, essendo lucido il foglio, si rischia di sbavare passandoci subito la mano sopra.

Ma l’utilizzo di questo sketchbook non è artistico, e quindi la china, in realtà, non serve davvero. L’importante è che funzionino per bene i pennarelli e le matite, per fare progetto in modo completo.

Crash test numero 2: ho provato a progettarci sopra.

Risultato: è semplicemente perfetto. Se tu progetti loghi, impaginati, strutture e griglie di pagine web, illustrazioni vettoriali, eccetera, questo strumento ti verrà sicuramente utile. Ti metto una foto di alcuni schizzi riguardanti un progetto a cui sto lavorando in questi giorni, così puoi vedere per bene cosa ci ho fatto io:

Scanner sketchbook

Queste sono solo alcune mie prove ma, ovviamente, essendo un foglio di carta, ci puoi fare davvero tutto ciò che la tua creatività ti suggerisce di fare.

Come detto, assieme allo sketchbook, a me è stata mandata da provare anche una matita “non photo blue”, dello stesso colore della texture a griglia dei fogli. Perché? Perché può essere molto utile per fare uno schizzo che viene poi ricalcato dopo con un pennarello. Il ragionamento è lo stesso che si usa quando si disegna con Photoshop: prima c’è un livello di bozza (la matita azzurra) e poi un nuovo livello (il pennarello) più definitivo.

Fasi Sketchbook

Dove trovare lo Sketchbook Canvas?

I ragazzi di Prophet (creatori di questo prodotto) hanno sede a Cagliari e, attualmente lo sketchbook si può ritirare a mano solo lì. Ma per fortuna siamo nel 2015 ed esiste anche internet!

Infatti lo sketchbook Canvas si può comprare online sul loro store, qui! Il prezzo è assolutamente accettabile, 12,90 euro più spese di spedizione (ovviamente).

Non ti voglio convincere a comprarlo, non sono un venditore di pentole della TV, sono un graphic designer. E da graphic designer ti voglio convincere di quanto possa essere utile in questo mestiere!

Ma non è soltanto utile a noi graphic designer ma anche ad esempio, a web designer, fumettisti, tatuatori, tipografi, eccetera. Insomma, è un prodotto dedicato al cento per cento a chi fa progetto grafico, di qualsiasi tipo!

Insomma, è un ottimo prodotto. E per una volta è un prodotto al cento per cento italiano!

Per qualsiasi dubbio o domanda o opinione, scrivimi pure un commento qui sotto!

Alla prossima,

Lorenzo.

Discussione: