Gli ultimi articoli su Logo design e Branding

Cos'è brand branding brand identity marchio logo ECC

Brand, branding e brand identity: il loro significato

Brand, Branding, Brand Identity, Brand Strategy, Marchio, Marca, Logo, Identità visiva, Immagine coordinata. È il momento di fare chiarezza su tutti questi termini, che spesso vengono confusi o usati come sinonimi (alcuni lo sono), e spiegarne il loro significato. In questa guida voglio proprio offrire una sorta di “vocabolario” dei termini principali che si utilizzano quando si parla dell’identità di un’azienda o di una persona. Pronto? Ok, partiamo! Partiamo da quello che forse è il termine principale: il brand. Che cos’è il Brand “Il brand è quello che le persone dicono di te quando non sei nella stanza” - Jeff Bezos Il brand, in italiano traducibile sostanzialmente con “marca”, è, sostanzialmente, l’insieme degli elementi visivi, percettivi ed emozionali che vengono associati a determinate aziende, organizzazioni, prodotti o persone. Uno dei miei esempi preferiti per far capire che cos’è un brand e l’importanza di una marca è la Ferrari. Nell’istante in…

Come progettare un'immagine coordinata

Come progettare gli elementi di un’immagine coordinata

Come si costruisce un'immagine coordinata? Come si progettano gli elementi di una "brand identity" in modo che funzionino e comunichino come un tutt'uno? In questo articolo voglio proprio spiegare nel dettaglio questi aspetti del percorso creativo che porta alla creazione di un logo e di un'immagine coordinata. Questo, insomma, è un articolo 100% dedicato ai designer. Come ho scritto nella guida di Grafigata al Logo Design, quando si progetta un logo, non si lavora solamente sul costruire un simbolo o un semplice segno grafico. Quando si progetta un logo, si va a costruire quella che deve essere la parte sommitale di un'immagine coordinata. Si va creare un simbolo o segno grafico che deve infatti rappresentare e raccontare un'intera azienda e il suo brand. E per raccontare un intero brand non basta il logo, c'è bisogno che quel logo sia inserito all'interno di un sistema visivo, all'interno di un'immagine coordinata. Andiamo…

Bilanciare Logotipo e pittogramma

Cosa sono pittogramma e logotipo e come posizionarli in un logo

Quando si crea un logo, si ha a che fare con diversi elementi del logo stesso. Hai mai sentito parlare di pittogramma? E di logotipo? Spesso si fa molta confusione su questi termini. E... no, ovviamente non sono sinonimi :) In questo articolo voglio proprio aiutarti a risolvere questi dubbi, spiegandoti la differenza tra pittogramma e logotipo. Non solo! Voglio anche spiegarti nel dettaglio come gestire i rapporti dimensionale tra pittogramma e logotipo. Insomma, voglio cercare di spiegarti, come bilanciare gli elementi all'interno di un logo. Se stai cercando, invece, una guida completa su come creare un logo, dall'inizio alla fine, ti consiglio di dare un'occhiata qui ;) Ok, pronto? Cominciamo! Dalle basi: Cosa sono pittogramma e logotipo? Qual è la differenza? Ok, pittogramma e logotipo. Cosa sono? Spiegazione in due parole: il segno grafico è il pittogramma, la "scritta" il logotipo. Spiegazione più dettagliata: Cos’è un pittogramma? Il mio…

Font loghi famosi

I font usati in alcuni dei loghi più famosi, spiegati bene

Ti sei mai chiesto quali sono i font più usati nei loghi più famosi? Quei loghi che capita di vedere centinaia di volte, ripetuti su tutti gli schermi, magliette e fogli di carta che ti circondano. Beh, allora non se l'unico e questo articolo è fatto per te! In questo articolo voglio infatti parlarti di quali font vengono usati in alcuni dei loghi più famosi. E, soprattutto, provare a capire perché proprio quei font, che cosa rappresentano, cosa significano. Perché scegliere un font non è una cosa semplice, e dietro alla scelta di un font c'è un messaggio ben preciso che si vuole trasmettere. Ad aiutarmi in questo articolo ci sono le immagini del fantastico progetto, chiamato Logofonts, che Emanuele Abrate ha pubblicato sulla sua pagina facebook. Nel suo progetto ha mostrato molte scelte di font di brand famosi. In questo articolo ho voluto analizzare in modo più approfondito 6…

guida al logo design come creare logo

Creare un logo efficace – La guida completa al Logo Design

Come si crea un logo efficace? Quali sono i passi per progettare un logo che funzioni? In questo articolo voglio rispondere a queste domande, condividendo tutto quello che so sul creare identità aziendali. E se tu, da graphic designer, come me, sei sempre interessato a migliorare le tue conoscenze e competenze, allora amerai questo articolo. Questa guida al logo design è presentata da Logo-Hero, il gruppo sul logo design e il più grande corso sul Logo Design in Italia. Puoi accedere gratis al gruppo privato, cliccando qui. Ma chi sono e per quale motivo dovresti ascoltare i miei consigli? Perché dovresti leggere questa guida? SPOILER: Perché è la più grande guida su come progettare un logo che tu possa trovare online. Anche in inglese ;) Sono Lorenzo Miglietta e ormai da 3 anni ho creato Grafigata.com, il blog su cui stai leggendo queste righe, con l'obiettivo di condividere conoscenze, ispirare…

Come e perché creare una versione bianca di logo

Perché creare una versione bianca di un logo (e come farlo)

Ti è mai capitato di notare come uno stesso logo o icona, sembra avere una dimensione diversa a seconda del colore e dello sfondo che si usa? Cioè, se il logo è in bianco su sfondo colorato, sembra più grande. Ci hai mai fatto caso? In questo articolo ti spiego come mai, quale fenomeno c'è dietro e come progettare, quindi, un logo nella sua versione bianca. Iniziamo! In un mio precedente articolo mi sono chiesto se un logo debba per forza funzionare anche in bianco e nero. So già che non ti andrai a leggere tutto l'articolo, vero? Quello che ci serve sapere qui, però, è la conclusione dei miei studi e ragionamenti in quell'articolo. La risposta è che no, non è obbligatorio che un logo funzioni in bianco e nero, a parte alcuni specifici utilizzi (quotidiani, vetrofanie, ecc). Quel che è importante è che il logo sia flessibile. Per logo…

creare-un-logo-in-7-giorni

Come creare un logo in 7 giorni

Progettare un logo è una cosa seria. No, davvero! Ci vuole tempo, dedizione, ricerca, prove stropicciate e buttate via, passeggiate per ritrovare l'ispirazione, ore passate a spostare punti di ancoraggio di Illustrator e molto altro. Generalmente per completare un progetto di logo design non ci metto mai meno di 20 giorni. In questo video ho voluto fare un esperimento e sfidare me stesso. Ho voluto provare a progettare un logo in soli 7 giorni, dal design brief alla presentazione del logo al cliente. Per farlo ho inventato da zero una possibile azienda cercando di simulare una richiesta complicata da parte di un ipotetico cliente. Questa azienda fittizia (non esiste davvero) si chiama Material Fabric e si tratta di un'azienda che produce abbigliamento alla moda utilizzando tessuti ad alta tecnologia. Tessuti idrorepellenti, ignifughi e resistenti un po' a tutte quelle cose che solitamente danneggiano i tessuti più comuni. Iscriviti al canale!…

presentare-logo

Presentare un logo: come creare una brand guideline

Hai ultimato il processo di branding e ti appresti finalmente a presentare il tuo logo? In un articolo di qualche settimana fa ti ho spiegato come creare un logo personalizzato, oggi invece voglio illustrarti come presentarlo attraverso una Brand Guideline. C'è chi la chiama brand guideline, chi manuale del brand o brand manual, ma di cosa si tratta? Sostanzialmente: di una guida autorevole e professionale che racchiude in sé tutti i principali utilizzi di un marchio, partendo dalle declinazioni, fino ai colori, passando per le diverse applicazioni dei materiali di immagine coordinata. Sei pronto? Iniziamo! Come presentare in modo professionale un logo: tutti gli elementi che non possono mancare in una Brand Guideline. Dal momento che un logo definisce, quasi per antonomasia, l'identità del tuo progetto professionale e che la sua ricezione pone il fruitore a comprendere immediatamente con quale tipologia di progetto dovrà misurarsi, i passaggi descritti di seguito…

creare-logo-personalizzato

Creare un logo personalizzato da zero: la guida definitiva

Creare un logo personalizzato da zero è estremamente semplice se sai come farlo. In questo post ti spiego step by step quali sono i passaggi fondamentali per ottenere un logo di successo. Sei pronto? Cominciamo! Prima di creare un logo cerca di capire qual è il suo obiettivo Un logo è l'elemento grafico che si trova al centro di tutto il graphic design e ha tre ruoli fondamentali: identificazione, distinzione e comunicazione. Analizziamo brevemente queste tre funzioni: Identificazione: un logo permette di individuare immediatamente una società sul mercato ed è spesso una delle prime cose che un potenziale cliente vede. Il logo perciò deve dare subito un’impressione positiva e deve essere facilmente identificabile e riconoscibile. Un logo ha il compito di rimanere immediatamente impresso nella mente del consumatore per cui dev'essere semplice, ma allo stesso tempo non banale e scontato. Distinzione: un logo efficace deve essere unico ed originale, deve distinguere un’azienda dalla concorrenza e…

Un logo deve funzionare in bianco nero

Un logo deve funzionare in bianco e nero?

I designer che, come me, si occupano della progettazione di loghi, nel tempo, hanno sempre saputo che un logo deve funzionare in bianco e nero per essere efficace. Se non funziona in bianco e nero, non funziona al cento per cento. Ma è proprio così? Questo articolo vuole essere una risposta completa ed esaustiva alla domanda: un logo deve funzionare in bianco e nero per essere un buon logo? Risposta breve: no, non per forza. Però dipende dal logo, dal contesto e da un po' di altre cose. La risposta lunga è, ovviamente, il resto dell'articolo in cui ti andrò a parlare di quando un logo deve o non deve funzionare per forza in bianco e nero e di come si fa a farlo funzionare. Quali accorgimenti si usano per rendere un logo efficace anche nella versione monocromatica? E il nuovo logo di Instagram allora? E le sfumature? Andiamo con ordine…

come-progettare-logo

Come progettare un logo (12 consigli per designer)

Il logo, un elemento centrale nel mondo del graphic design. Ogni giovane studente di grafica sogna di progettarne uno. Ogni graphic designer di esperienza continua a divertirsi anche dopo centinaia di progetti. Sapere come progettare un logo di qualità è un processo molto complicato e che richiede esperienza e competenze ben definite. Ti sarà capitato un sacco di volte di vedere un logo incapace di trasmettere bene il messaggio di un'azienda, un logo progettato male e che non raggiunge la giusta funzionalità. Questo perché molte volte si dimentica di applicare le giuste regole. Si svolge un progetto saltando dei passaggi fondamentali. Questo articolo vuole proprio essere una guida alla progettazione di un logo attraverso 12 consigli pratici che ti potranno essere utili nella tua carriera per arrivare a progettare un logo che ti renda soddisfatto non solo per il bonifico a tuo favore ma anche per la qualità del progetto che…

Correzioni ottiche nel graphic design

Correzioni ottiche nel graphic design

Hai mai notato come spesso nel graphic design, magari in alcuni font o in alcuni progetti di logo design, ci siano degli elementi che non sono allineati perfettamente in modo geometrico? Elementi che dovrebbero avere la stessa altezza, che sembrano avere la stessa altezza ma che, se osservati meglio, magari con l'aiuto delle griglie, non hanno per niente la stessa altezza. O dimensione, spessore, larghezza, peso, eccetera. Magari non te ne sei mai accorto o magari invece ci hai già riflettuto sopra più di una volta. In ogni caso tutto ciò è dovuto alle cosiddette correzioni ottiche. Ma cosa sono le correzioni ottiche? Perché sono così importanti nel graphic design e perché, per chi ha l'occhio ben allenato, sono elementi che garantiscono una buona o una cattiva qualità progettuale nel design? Questo articolo vuole essere una guida unica e senza alcun paragone con niente che tu possa trovare cercando su Google (anche…

Google ha cambiato logo

Google ha cambiato logo e già ho dimenticato quello vecchio

[Post in aggiornamento con nuove notizie, materiali, opinioni e punti di vista che riterrò interessanti nei prossimi giorni] È la notizia del giorno. Oggi, primo settembre 2015, Google ha cambiato il suo logo. E si sta subito scatenando il flame nel mondo della grafica e del design attorno alla notizia di questo restyling. Allora, ti preavviso che sto scrivendo questo post in "tempo reale", pochi minuti dopo aver appreso questa notizia, quindi scusami per questa scrittura un po' di getto e forse frettolosa, ma sono impaziente di condividere le mie opinioni e il mio punto di vista con tutti quanti il più velocemente possibile tramite questo mini-post. Vado quindi subito a quello che ho scritto nel titolo: Google ha cambiato logo e io ho già dimenticato quale fosse quello vecchio. Davvero! Com'era? Boh, non mi ricordo, c'era un font serif, delle o inclinate, qualcosa del genere. Questo nuovo logo è…

Logo lorenzo miglietta

Ecco come e perché ho cambiato il mio logo personale!

Ci sono momenti, specialmente nella vita di chi fa lavori creativi, in cui cambiare non solo è necessario ma è anche utile, è utile per confrontarsi con altre persone, è utile per capire come si può migliorare, è utile per mettersi alla prova e sprigionare la creatività. Che è quello che noi designer sappiamo fare meglio! Proprio per questo, negli ultimi mesi, ho deciso di fare un piccolo ma sostanziale cambiamento nella mia "figura di designer": ho deciso di cambiare il mio logo personale. Avevo parlato del mio logo personale precedente in un articolo di qualche mese fa in cui delineavo le linee guida che si dovrebbero considerare quando si progetta un logo per se stessi, che spesso è una delle sfide più complicate per noi designer. È complicato perché bisogna confrontarsi con se stessi, bisogna cercare di capire che cosa vogliamo rappresentare di noi, come vogliamo essere visti da…

Nuovo logo tokyo 2020

Il logo di Tokyo 2020, tu che ne pensi?

Ieri è stato presentato il nuovo logo per le Olimpiadi di Tokyo 2020 creato dal designer Kenjiro Sano, vincitore del concorso precedentemente organizzato. Questo logo è basato su una T stilizzata, la quale rimanda ovviamente alla città di Tokyo ma anche alle parole Tomorrow e Team (domani e squadra). Il logo contiene un sacco di elementi differenti. Il colore nero rappresenta la diversità, mentre il cerchio rimanda ad un mondo in cui chiunque è racchiuso, è contenuto, in cui tutti sono coinvolti. Il rosso di quel cerchio rimanda ovviamente alla bandiera giapponese e forse anche alle forti emozioni e passioni di un'Olimpiade. Questo è il logo spiegato brevissimamente. Qui invece c'è il video con cui questo logo è stato presentato: Un logo che mi crea sensazioni opposte: da un lato ha significati nascosti davvero interessanti e potenzialità di applicazione, creazione di pattern, giochi di forme, veramente fighi. Dall'altro lato, però,…

Quali file di un logo servono al cliente

Guida per designer alla gestione dei file di un logo

Hai appena concluso un progetto di logo design? Magari il cliente ha pure dato il suo OK definitivo e vuole procedere per la stampa dei vari materiali pubblicitari? Beh, a questo punto, allora, basta mandare il file e bom, sei a posto no? Beh, in verità, tutto dipende da quanto vuoi che sia professionale e di qualità la resa del tuo progetto finale. Un modo per rendere ancora più professionale il proprio progetto è una buona gestione dei file di un logo nel momento della consegna. La gestione dei file d'esportazione e di lavorazione di un logo è un momento estremamente importante nel processo di logo design (del quale puoi leggerne le regole principali in questo articolo). Come sai, un logo può essere utilizzato in una marea di modi differenti: in piccole o grandi dimensioni, su schermo, come icona di un'app, inciso nel legno o stampato su carta o altri supporti.…

I migliori brand manual

Aumentare la creatività con i migliori brand manual

Ti capita mai di trovarti con il foglio o lo schermo bianco di fronte a te senza alcuna idea? Vuoi sapere un modo per migliorare la tua creatività e dare un nuovo sprint ai tuoi progetti? In questo articolo ti voglio parlare di un "metodo" che io, personalmente, utilizzo spesso quando mi trovo ad affrontare progetti nuovi e necessito di idee fresche. Mi riferisco alla lettura dei brand manual. Se non hai idea di che cosa io stia parlando, tranquillo, spiego tutto! Ok, pronto? Cominciamo allora. Come avrai ormai sicuramente capito, voglio parlarti dei cosiddetti brand manual, i manuali del marchio e di come essi, o meglio, la loro consultazione, possano essere delle vere e proprie iniezioni di creatività per i tuoi progetti in corso. Ti spiego, innanzitutto, che cos'è un brand manual, poi come cavolo fanno a migliorare la creatività e infine, dulcis in fundo, ti farò vedere quali sono i migliori brand manual…

Come creare un logo personale

Creare un logo personale e trasformarsi in un brand

Sei un creativo? Un designer, un graphic designer? Allora sicuramente sei interessato a come poter promuovere te stesso, i tuoi lavori e la tua attività, vero? Sei curioso di sapere qual è uno dei punti di partenza per farlo? Curare al meglio la tua immagine. A partire dal logo. Questo articolo, l'avrai intuito dal titolo, vuole essere una guida alla creazione di un logo personale. E per logo personale intendo un logo che parli di te, che sia tuo. In pratica, si tratta di trasformare te stesso in un brand, in qualcosa da vendere. Vendere se stessi non deve essere considerata una cosa negativa (mica ho detto svendere!), anzi! È quello che in fin dei conti si fa molto spesso: ogni qual volta si interagisce con qualcun altro e si vuole fare bella figura, ci si comporta un po' come dei venditori di se stessi. Ignorare il marketing significa ignorare una parte…

Come fare rebranding

Come fare rebranding in modo efficace

In uno degli ultimi articoli, vi ho parlato delle motivazioni che possono portare al cambiamento dell'immagine aziendale, a partire dal logo. Questo processo prende il nome di rebranding, che è sostanzialmente un processo creativo che può portare a cambiamenti epocali (addirittura il nome dell'azienda) o soltanto a piccoli aggiustamenti cromatici o di forma del logo. Ci sono molti pro e molti contro, nonché molte variabili, nel processo di rebranding, ma c'è un solo modo perché questo processo funzioni: farlo nel modo giusto. Ho scelto così di scrivere questo articolo cercando di stilare una semplice e chiara checklist di azioni per capire come fare rebranding nel modo corretto (ditemi poi se ci sono riuscito!). Bisogna innanzitutto comprendere che, nella storia di un marchio o di un'azienda il cambiamento è inevitabile. Non nel senso che ogni tot. anni bisogna ricostruire tutto da capo, ma che semplicemente bisogna tenersi aggiornati. E per aggiornarsi a volte bastano…

Cambiare logo

Perché cambiare logo? Che cos’è il rebranding

Il logo è l'elemento grafico più importante all'interno dell'immagine coordinata (la cosiddetta brand identity).  Oggi, in questo articolo, non voglio parlare di come si fa a crearne uno, o di come lo si utilizza, voglio parlare di un particolare, ma tipico, processo evolutivo che coinvolge molte aziende e molti marchi: il rebranding. Ma che cos'è il rebranding? Il rebranding è quella fase di rinnovamento o cambiamento dell'immagine coordinata (il brand) di un'azienda. Questo processo creativo, molto spesso, comprende il cambiare logo, ma non solo; si può cambiare anche l'intera immagine aziendale, i prodotti, i font scelti e, a volte, addirittura il nome stesso dell'azienda o del prodotto. Ma, nella maggior parte dei casi, è il logo a subire il principale restyling. Ci sono numerosi casi in cui, per motivi di cui sotto, nel rebranding, si parte proprio dall'analizzare i punti deboli del marchio, per poterlo poi cambiare in modo coerente…

Applicazioni di un logo

Le applicazioni di un logo

Un logo è per definizione l'elemento più iconico nel mondo della progettazione grafica. Contribuisce in modo fondamentale a costruire l’identità di un marchio, esternando l'anima di un'azienda e permettendole di differenziarsi dai suoi competitor. Ma riguardo cosa sia un logo ne parlo bene qui. In un altro articolo avevo parlato della metafora dell'iceberg, secondo la quale un logo è soltanto la punta, la parte emersa dell'iceberg, mentre la maggior parte, quella sommersa, che non si vede ma c'è eccome (chiedere al Titanic) è rappresentata dal Brand. Insomma, gran parte dell'immagine di un'azienda è data da tutto quello che ruota attorno al logo. In altre parole, da come esso viene declinato e applicato. In questo articolo, infatti, voglio parlarti delle cosiddette applicazioni di un logo. Ma cosa si intende per applicazioni di un logo? Per applicazioni di un logo si intende, molto semplicemente, tutti i possibili modi in cui un logo può essere utilizzato, dalla carta…