Il nuovo logo per il “G20” che si terrà in Italia nel 2021

Lorenzo MigliettaLorenzo Miglietta

COMMENTI

nuovo-logo-g20-2021-italia

È stato annunciato in questi giorni che l’Italia inizierà il suo turno alla presidenza del G20, il summit tra gli esponenti dei paesi più industrializzati.

In occasione dell’annuncio è stato anche mostrato quello che sarà il logo per il G20 2021 in Italia. È stato realizzato dall’agenzia DiaComm, con la direzione creativa è di Giuseppe Dia, direttore creativo della DiaComm Studio, e il lavoro di logo design di Francesco Gioia, docente di lettering e design dell’editoria all’Accademia delle Belle Arti di Palermo.

Questo il video della presentazione:

Il pittogramma ispirato all’Uomo Vitruviano

La realizzazione del logo si ispira all’Uomo Vitruviano di Leonardo Da Vinci, simbolo del Rinascimento e dell’Italia nel mondo. 

Nell’Uomo Vitruviano, due figure geometriche primarie contengono la figura umana in duplice posa. Il quadrato, segno di centratura e stabilità, e il cerchio, figura platonica di perfezione, segno del moto e dell’assoluto.

Nel logo del G20 il quadrato in blu rappresenta l’Italia e il cerchio in oro invece il pianeta.

La scritta “G20” sostituisce concettualmente la figura dell’uomo.

“Così come nell’opera originale la figura umana funge da collegamento tra i mondi, immaginiamo che l’Italia in questa importante occasione internazionale possa fungere da centro di congiunzione per la determinazione delle nuove “proporzioni del mondo”.” Dicono a Grafigata da Diacomm Studio.

La tipografia

Le tre lettere che compongono il logotipo G20 hanno come obiettivo quello di rappresentare le forme tipiche dell’architettura e del lettering italiano.

“Una composizione pregnante, limpida e fortemente riconoscibile che riesce a condensare nella sua eleganza oltre 2000 anni di storia.”

Ciascuna delle tre lettere rappresenta quindi, tramite forme diverse, diversi riferimenti culturali:

  • La “G”, rappresenta l’Italia della Roma Imperiale. Tale modello è rappresentato dalle lettere incise nel basamento della Colonna Traiana, uno dei monumenti simbolo di Roma.
  • Il “2” è un omaggio all’eccellenza della tipografia italiana nel mondo, il Bodoni. Un carattere “romano moderno” (che è una delle categorie di font serif) disegnato nel 1798 da Gian Battista Bodoni.
  • Lo “0” è di ispirazione modernista. “Nella rigorosa geometricità del cerchio si distilla l’essenza del pensiero razionalista e delle avanguardie artistiche, come il Futurismo, che riuscirono a donare nuova linfa alla cultura visiva contemporanea.”

La composizione di “Italia – 2021” è affidata infine al carattere Sole Sans della fonderia italiana C-A-S-T, disegnato da Riccardo Olocco e Luciano Perondi.

I designer dell’agenzia ci hanno detto che hanno lavorato a questo progetto fin da luglio, incontrando anche molti esperti italiani del rinascimento e di Leonardo.

Più di 50 bozze, disegni, appunti, illustrazioni per arrivare al risultato finale che non è altro che una sottrazione del superfluo: riuscire a comunicare un messaggio con il massimo del minimalismo.


Se sei interessato al mondo del Logo Design e a come progettare un logo che funziona, scopri il corso Logo-Hero, puoi iscriverti alle prime lezioni e risorse gratuite cliccando qui!

Discussione: