Lorenzo MigliettaLorenzo Miglietta
Condivisioni: 130

Ecco il nuovo “sistema di loghi” di Firefox, spiegato bene

Già da tempo si sapeva che sarebbe arrivata una nuova identità grafica al browser Mozilla Firefox, ne avevo parlato già qui sopra l’anno scorso. Oggi (anzi, due giorni fa, sono in ritardo ehm) finalmente è stata data la notizia ufficiale: Firefox ha dei nuovi loghi.

Sì, perché la prima cosa importante da chiarire è un elemento che è proprio alla base di questo cambiamento: Firefox non è solamente Firefox, il browser.

Firefox è un marchio che l’azienda open source Mozilla utilizza per nominare diverse cose. Certo c’è Firefox, il browser, ma anche altri servizi: Firefox Send, Firefox Monitor e Firefox Lockwise.

Mozilla ha voluto quindi andare a costruire un’identità che andasse a comprendere tutte queste applicazioni, organizzandole sotto questa gerarchia qua:

Quindi, tranquillo, il logo del browser, con la volpe (o il panda rosso?) attorno al pianeta Terra, resterà, anche se leggermente diverso rispetto al passato 🙂

Come gli stessi copywriter di Mozilla hanno scritto sul loro blog: “Il “Firefox” che hai sempre conosciuto come browser copre una famiglia di prodotti e servizi uniti dal mettere te e la tua privacy al primo posto. Firefox è un browser E un servizio criptato per inviare file di grandi dimensioni. È un modo semplice per proteggere le tue password su ogni dispositivo E un sistema di allarme preventivo qualora la tua email sia stata parte di una violazione dei dati. Sicuro, privato, sicuro, che apre gli occhi. Questo è solo l’inizio della nuova famiglia Firefox.

Il logo principale è quello che viene definito come “parent brand” e cioè il marchio padre (parent vuol dire “genitore”, in realtà, ma marchio genitore è bruttina come traduzione).

Questo rebrand, ovviamente, non comprende solamente il logo che è invece parte di una riorganizzazione dell’identità.

Questa nuova identità comprende:

  • Una nuova palette di colori ben bilanciata e ben studiata;
  • Un sistema di forme e icone da utilizzare in animazioni ed immagine coordinata;

  • Un nuovo carattere tipografico (non è chiaro se progettato da zero oppure se si tratta di un font comune);
  • Uno studio di UI per stabilire le combinazioni di colori tra colore di testo e di sfondo (e cioè quando usare il bianco e quando il nero su determinati colori di sfondo).

Insomma, si tratta sicuramente di un progetto interessante e completo, che farà storia sia perché nato con un grande contributo da parte della community, sia perché applica concetti innovativi nel mondo del brand.


Se sei interessato al mondo del Logo Design e a come progettare un logo che funziona, scopri il corso Logo-Hero, puoi iscriverti alle prime lezioni e risorse gratuite cliccando qui!