La Serie A, dal prossimo anno, avrà un unico font per tutte le maglie

Lorenzo MigliettaLorenzo Miglietta

COMMENTI

Font-Serie-A

La Serie A, il massimo campionato italiano di calcio maschile, dal prossimo anno, utilizzerà un unico carattere tipografico per tutte le magliette di tutte le squadre.

Verrà utilizzato quindi per scrivere i nomi dei giocatori e il numero sulla maglia senza dare più libertà di scelta alle singole società.

Si sapeva che sarebbe avvenuto già da febbraio ma ora si sanno tutti i dettagli sul font. Eccolo qua:

Fonte: passionemaglie.it

Questa introduzione segna un importante modifica rispetto al passato.

Prima, infatti, ogni società poteva scegliere di inserire qualsiasi font sulla maglia, causando spesso l’inserimento di font illeggibili da lontano o molto diversi l’uno dall’altro, senza uniformità.

E se gli esempi qui sopra possono essere ancora accettabili, basti pensare alla maglia del Chievo Verona di qualche anno fa per capire esattamente il problema:

Fonte: “Le squadre di Serie A sono brutte” de ilPost.it

O, ancora, quella della Sampdoria del 2016/2017:

Con questo nuovo carattere tipografico si punta proprio a prevenire questi “obrobri tipografici” e ad uniformare l’immagine, garantendo sempre la stessa leggibilità.

Sul font non si sanno ancora tantissimi dettagli. Non si sa chi lo abbia progettato né ne sono stati comunicati i dettagli da Lega Serie A.

Ci sono solo alcune immagini provenienti dalle presentazioni delle maglie di Inter, Roma, Milan e Juventus:

La Serie A diventa quindi, almeno un pochino, come la Premier League che da anni utilizza lo stesso carattere tipografico per tutte le maglie delle squadre.

Proprio confrontando i due caratteri tipografici, però, viene forse il pensiero che forse si potesse fare qualcosa di meglio come scelta tipografica. Qualcosa di più facilmente leggibile e meno “stravagante”.


Se sei interessato ad imparare di più sui font e la tipografia scopri il mini-corso Font-Ninja!


Tutte le fonti sono linkate all’interno dell’articolo.

Discussione: