È stato annunciato il colore pantone del 2019

Lorenzo MigliettaLorenzo Miglietta

0 COMMENTI

Pantone colore dell'anno living coral 2019

Pantone è probabilmente la più grande autorità mondiale sul colore industriale, un ruolo che ha conquistato a partire dalla classificazione che ha inventato per catalogarlo, diventata la più comunemente usata. Ogni anno, ormai da parecchi anni, sceglie un colore simbolo per l’anno in corso.

Lo fa sia per cercare di identificare nuove influenze cromatiche attraverso una attenta analisi delle tendenze, sia come strumento di auto-promozione estremamente figo ed efficace.

Il colore scelto per il 2019 è il Pantone 16-1546, denominato “Living Coral” e cioè corallo vivo, corallo acceso. Questo qua, insomma:

Molti ritengono che Pantone, con la scelta del colore dell’anno, vada ad influenzare molto numerose industrie legate all’uso dei colori. A partire dall’industria dell’intrattenimento fino a coinvolgere l’arte, la moda, il design e i social media.

Indubbiamente tutto ciò è vero, ma spesso, i media tendono a sopravvalutare questo fenomeno che è più che altro una straordinaria strategia di marketing per Pantone.

Nell’annuncio della scelta, comunque, gli esperti di Pantone hanno spiegato che il Living Coral (corallo vivo, acceso) «rappresenta la fusione della vita moderna» e che è un «colore ricco, continuamente attorno ai noi nel mondo reale e insieme vivacemente presente sui social media». «Incoraggia a fare le cose con uno spirito leggero. Simboleggia il nostro innato bisogno di ottimismo e ricerca di gioia, rappresenta il nostro desiderio di giocosità», aggiungono.

Adesso attendiamo di scoprire con quali grandi marchi il Pantone Color Institute collaborerà e quali strategie metterà in pratica per dimostrare, ancora una volta, che ha fatto la scelta giusta!

Quello che già sappiamo è che per l’occasione Pantone ha messo in vendita una palette in edizione limitata dedicata al “Living Coral” e prodotti vari come ad esempio la tazza e un chiavetta USB.

Fonte: Panton Color Institute, New York Times e Il Post

Discussione: