8 errori di packaging design da evitare

Chiara ZoiaChiara Zoia

0 COMMENTI

8 errori di packaging design 0

Ricevere a casa oggetti che abbiamo acquistato online è ormai la quotidianità, e man mano che aumentano i pacchetti aumenta l’attenzione che prestiamo al design del packaging scelto dall’azienda.

A volte però ci rendiamo conto che questo aspetto della relazione con il cliente viene ingiustamente trascurato. Si tratta, invece, del primo punto di contatto fisico con il nostro prodotto: come si dice, “la prima impressione”. Quella che, poi, è difficile da smentire.

Creare un’esperienza di unboxing soddisfacente per i clienti fa in modo che associno fin da subito al brand e al prodotto sensazioni positive e ci permette anche di raggiungere potenzialmente nuovi clienti. Infatti, se contenti del loro pacchetto, i tuoi clienti tenderanno a condividere il loro spacchettamento sui social e far parlare così della tua attività.

Purtroppo le stesse considerazioni valgono anche quando qualcosa va storto. Se il tuo packaging arriva distrutto, oppure il design è di scarsa qualità, i tuoi clienti lo noteranno e condivideranno.

Moltissimi brand continuano a fare errori di varia natura quando si parla di packaging design. Andiamo a parlare degli 8 errori di packaging design più comuni e diamo anche qualche suggerimento utile per evitarli.

Questo articolo è in collaborazione con PackHelp, uno dei fornitori di packaging leader del settore in Europa e scritto da Sara Di Maro Content Specialist del mercato italiano per Packhelp. Ma noi di Grafigata l’abbiamo pubblicato soprattutto per darti comunque una guida davvero utile per il tuo lavoro, come nel nostro stile.

1. Design di bassa qualità

Abbiamo chiarito subito che il design del tuo packaging è davvero importante. Per questo assicurarti che la qualità sia eccellente è prioritario!

In primo luogo accertati di usare sempre immagini ad alta risoluzione: nessuno vuole vedere un design sgranato e poco nitido sulla scatola di un prodotto.

Quindi scegli con cura i fornitori di packaging tra quelli in grado di garantirti ottima qualità. Informati sulle tecniche di stampa che utilizzano, acquista un set di prova per constatare dal vivo la qualità degli imballaggi prima di decidere con quale azienda effettuare il tuo ordine. Se non è disponibile il set di prova opta per ordini di pochi pezzi inizialmente.

Così hai la possibilità di valutare la qualità del packaging che hai scelto e del tuo design, prima di ritrovarti con centinaia o migliaia di pezzi che non vanno bene.

Bisogna purtroppo fare i conti col fatto che non tutti i fornitori offrono questa possibilità. Invece Packhelp permette di effettuare ordini di packaging da 30 pezzi per molte delle soluzioni di imballaggio disponibili.

Un esempio? Il packaging scelto per il Grafigata! Shop è stato creato in collaborazione con Packhelp!

Alcuni pacchetti del Grafigata Shop in collaborazione con Packhelp
Alcuni pacchetti dello shop pronti ad essere spediti

2.Design errato: errori di posizionamento o di spelling

Packaging errato Fanta
C’era solo un lavoro da fare…

Capita di mandare in stampa una foto o un poster e notare che il risultato non rispecchia il file che avevamo creato. 

Sappiamo che nel processo che va dalla creazione del progetto alla stampa sul prodotto finale ci sono molte occasioni perché qualcosa vada storto (soprattutto se non hai prima consultato la nostra guida su come Come preparare un file alla stampa).

Nel caso particolare del design per il packaging, ci sono diversi aspetti da tenere a mente.

  • Se intendi creare il progetto su fustella (o dieline in inglese) è importante che ti assicuri di avere quella corretta per il prodotto specifico che vuoi creare.
  • Ricordati di non inserire immagini e testi in corrispondenza delle pieghe o dei bordi della fustella
  • Verifica sempre di aver posizionato in modo corretto immagini e testi per la stampa.

Di certo l’ultima cosa che vogliamo è un prodotto finale con gli elementi stampati al contrario o in un lato della scatola sbagliato.

Se vuoi essere in grado di creare in autonomia file per la stampa su packaging il nostro corso approfondito di Illustrator ti permetterà di acquisire tutte le competenze di cui hai bisogno

Se sei agli inizi e le tue conoscenze di grafica sono basilari, ma vuoi già cominciare a produrre qualcosa, puoi utilizzare l’editor online di Packhelp Studio, che ti permette di progettare il tuo packaging in maniera semplice e veloce.

L’editor è un servizio molto utile fornito da Packhelp: pensato per le esigenze dei proprietari di piccole aziende che non hanno abilità grafiche, ma non vogliono rinunciare a un packaging dal design curato.

Infine, fai attenzione agli errori di battitura: è davvero imbarazzante creare centinaia di scatole con quel brutto refuso di cui certamente i tuoi clienti si accorgeranno.

3. Colori e font non favorevoli

La scelta dei colori e dei font che utilizzi per il design del tuo packaging ha una rilevanza enorme.

In base al colore che scegli e alla sua tonalità trasmetti una sensazione diversa ai tuoi clienti.

È importante che il tuo imballaggio rispecchi la tua azienda, che il branding sia consistente e che quindi i colori scelti siano caratteristici del tuo marchio.

Tuttavia, assicurati che, se scegli di mischiare diversi colori, questi funzionino bene nell’insieme e soprattutto verifica che non compromettano la leggibilità delle informazioni incluse sull’imballaggio.

studio psicologia colori nel design packaging di kellogs
Un grande caso studio: i packaging Kellogg’s con i loro diversi iconici colori ma una coerente comunicazione. Landor.

Lo stesso discorso vale per i font. Optare per i font tipici del tuo brand è sempre un’ottima scelta, ma in linea di massima è importante che il testo sia facile da leggere e della grandezza giusta.

Vuoi che i tuoi clienti leggano le informazioni che decidi di includere sul tuo packaging, perciò assicurati che possano farlo con facilità.

Cerchi un consiglio utile per il packaging design, ma anche per molte altre situazioni? KISS! Ossia: keep it simple, stupid. Tenere a mente questo principio ti sarà di grande aiuto nella progettazione del tuo imballaggio.

4. Soluzioni non plastic-free

La sostenibilità è un valore che sta a cuore a sempre più persone, per questo motivo includere elementi di plastica nel tuo imballaggio è una scelta rischiosa.

Oggi, peraltro, non esiste più neppure la scusa della difficoltà nel reperire i materiali adatti; trovi infatti moltissimi fornitori che offrono soluzioni plastic-free, riciclabili e ad alcune anche compostabili. Grazie a loro puoi offrire ai tuoi clienti un packaging eco-friendly, che sia il meno problematico possibile per l’ambiente.

Di certo i tuoi clienti non apprezzerebbero soluzioni inquinanti e poco sostenibili, e potrebbero condividere con gli amici e i follower questa pessima impressione. Meglio evitare che accada, giusto?

Esempi di scatole plastic-free per packaging

5. Soluzione con grafica stupenda ma non funzionale

Che l’aspetto del packaging conti è ormai ovvio, ma sappiamo bene che un buon design è quello che non ostacola mai, anzi migliora la funzionalità.

Una scatola difficile da aprire e da richiudere, o che rende più complicato effettuare dei resi non fa una buona impressione, anche se la grafica ideata è stupenda!

Lavora con l’obiettivo di rendere tutto semplice, pratico e funzionale.

6. Troppi materiali riempitivi

Packaging sovradimensionato con troppo materiale riempitivo per poco da spedire, un tipico errore da evitare

Ti è certamente capitato di ricevere un pacchetto con una quantità di carta o pluriball sconcertante. Il cliente di sicuro apprezza che l’azienda che invia il prodotto si curi di proteggerlo durante il tragitto e farlo arrivare in perfette condizioni, ma se il materiale riempitivo è troppo vuol dire che ci sono stati errori nella progettazione.

Semplicemente di solito è stato scelto un packaging di dimensioni troppo grandi. Al contrario se utilizzi una scatola o un sacchetto postale delle giuste dimensioni, non avrai bisogno di riempire gli spazi vuoti, e potrai aggiungere solo il materiale davvero necessario per un trasporto sicuro.

7. Soluzione di packaging troppo grande

Aziende come Amazon hanno subito un gravissimi danni di reputazione legati al diffuso spreco di packaging. Succede infatti che molte aziende preferiscano acquistare packaging in formato standard per poterlo adattare a qualsiasi prodotto; il risultato è che spesso un prodotto di piccole dimensioni finisce per essere spedito in una scatola quattro volte più grande.

Tutto questo non è razionale nè vantaggioso, per l’azienda, per il cliente, per l’ambiente.

Al contrario scegliere caso per caso una soluzione di packaging dalle dimensioni adeguate permette di risparmiare sui costi di trasporto, sullo spazio necessario per tenerle in magazzino, e semplificare la vita ai clienti che dovranno smaltirla.

8. Packaging poco resistente

scatola di cartone danneggiata

Utilizzare scatole durevoli e dei sacchetti antistrappo dovrebbe essere il requisito base per i tuoi imballaggi. I tuoi prodotti dovranno affrontare trasporti su lunghe distanze, quindi è essenziale assicurarsi che siano ben protetti e rimangano intatti.

Una scatola che arriva ammaccata può dare un’impressione di poca cura e non trasmette il messaggio di un’azienda che sceglie imballaggi di qualità che proteggano i propri prodotti.

Conclusioni

Ecco qui i miei suggerimenti sugli errori di packaging design da evitare.

Già oggi il packaging è un elemento chiave per l’immagine e il valore percepito di qualsiasi brand, ma sono sicura che con il tempo lo sarà sempre più. Essere preparati anche in questo campo renderà il tuo periodo di progettazione più veloce e privo d’intoppi.

Gli errori che si fanno nel design di packaging possono avere come effetto quello di generare cattiva pubblicità e insoddisfazione dei clienti. Questo è il motivo per cui mi sembrava importante esplorarli insieme e darti gli strumenti giusti per evitarli.

E tu, hai avuto esperienze in questo campo? Ti è successo di fare qualche errore clamoroso nella progettazione di un packaging o al contrario hai ricevuto pacchi assurdi? Faccelo sapere nei commenti.

È il momento di salutarti, a presto!

Discussione:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*