12 marzo 2015

Come scegliere un font – la guida completa

38 COMMENTI

Come scegliere un font

Quante volte ti sei trovato nella situazione di dover decidere quale font usare? Quante volte ti sei messo a cercare il font più adatto al tuo progetto scorrendo per ore la tendina dei font, frugando tra le centinaia di caratteri che hai scaricato o acquistato? Vuoi sapere come poter scegliere un font che sia perfetto per il tuo progetto?

Allora questo è l’articolo che stavi cercando.

Questo articolo è una guida alla scelta del font più adatto al tuo progetto. Ti aiuterà in quei momenti in cui scorrere la tendina dei font di Illustrator o Word sembra la sola ed unica speranza.

Questa è di gran lunga la guida più letta d’Italia sulla scelta di un font. Da quando l’ho scritta, ha aiutato più di 65.000 designer (e non) a comprendere meglio il mondo dei font e della tipografia.

Dopo la lettura di questo articolo avrai sicuramente le idee più chiare non solo per il progetto a cui stai lavorando ora ma anche per tutti i progetti futuri. Non ci credi? Allora seguimi in questo percorso e ti riempirò di informazioni e consigli sulla scelta del giusto carattere tipografico!

Pronto? Allora, dai, cominciamo!

Decidere quale font utilizzare è una parte importantissima, a volte quasi essenziale, all’interno del processo creativo e da questa decisione può dipendere addirittura la riuscita o meno di un intero progetto.

Un esempio: credete che la famosa campagna pubblicitaria del 2007-2008 di Obama per la presidenza (il famoso “Yes we can!“) sarebbe stata così vincente senza il font Gotham? Io credo di no.

Lo stesso vale anche all’opposto, quando si parla di cattiva scelta del font.

Quante volte mi capita di vedere dei volantini, delle insegne o dei loghi accompagnati da font che, nel migliore dei casi, non ci azzeccano niente con il messaggio da trasmettere, mentre nei peggiori dei casi, oltre a non azzeccarci niente, sono anche oggettivamente brutti. Tutto ciò è dovuto ad una cattiva gestione e scelta del font nella fase progettuale.

Prima cosa: qual è il tuo obiettivo?

Come scegliere un font

Il primo passo che devi fare per scegliere il giusto font è formare nella tua testa un’idea chiara e definita su quale debba essere la reazione che vuoi suscitare nel lettore o nel cliente che interagirà con il tuo testo. Questo deve essere essere il tuo obiettivo e deve guidare il tuo intero processo.

La definizione del tipo di reazione al messaggio trasmesso attraverso il font può essere decisa in autonomia, dal cliente o dall’incontro con il cliente nella fase di design briefing. Dipende tutto dal tipo di progetto.

Nonostante una grossa fetta del processo di selezione del font sia qualcosa di estremamente legato a scelte soggettive e personali di gusto e umore da trasmettere, ci sono anche dei componenti oggettivi e più o meno quantificabili come ad esempio i gradi di leggibilità di un carattere e di leggibilità di un testo.

Mi spiego meglio. Douglas Bonneville, graphic designer, definisce due parole caratteristiche relative all’interazione di una persona con un testo: legibility e readability.

Queste due parole sono sinonimi e potresti pensare che abbiano lo stesso significato, anche perché in italiano si traducono entrambe con “leggibilità”. Ma in realtà sono due termini molto diversi.

Legibility o leggibilità di un carattere

La legibility è quella caratteristica che in italiano potremmo definire come “leggibilità di un carattere” mentre la readability è la “leggibilità di un testo“.

La legibility è qualcosa che ha strettamente a che fare con la struttura grafica del singolo carattere tipografico come lo spessore, la presenza o meno di grazie, il kerning, la spaziatura o l’interlinea (cose di cui ho parlato qui e qui).

È una caratteristica oggettiva e non legata ai gusti personali di una persona ed è quindi semplice definire la leggibilità di un carattere. Ad esempio un font decorativo o calligrafico non ha una buona leggibilità perché è progettato per essere attrattivo ad una prima occhiata e non in lunghi testi. Invece, se ci fate caso, i font usati in libri, giornali o articoli online sono estremamente facili da leggere.

Blackradder - Verdana

Nell’esempio qui sopra ho utilizzato Blackradder, un font calligrafico, e Verdana, un carattere tra i più leggibili in assoluto, per dimostrare come la differenza nel grado di leggibilità sia assolutamente un fattore oggettivo.

Nella scelta del font devi quindi decidere qual è il grado di leggibilità di cui hai bisogno.

Se hai bisogno di un font estremamente leggibile considera questi consigli per un’ottima leggibilità:

  • Scegli caratteri tipografici con lettere dalle forme convenzionali, infatti tutti quei font che hanno lettere con forme strane e inusuali, magari con mille decorazioni e ghirigori, anche se bellissime e utili per attirare attenzione fanno appunto quello, attirano l’attenzione! Se invece hai bisogno di leggibilità ricerca le forme standard nelle lettere.
  • Scegli caratteri tipografici con una buona spaziatura. I font le cui lettere sono troppo appiccicate tra loro creano una lettura molto difficoltosa e lenta, sono quindi da evitare in questo caso.
  • Scegli font i cui caratteri abbiano un alto rapporto tra l’occhio e il corpo totale. L’occhio, o altezza della x, è, appunto l’altezza di lettere come x, a, c, o, eccetera. Il corpo è invece l’altezza totale e quindi considerando anche aste ascendenti e discendenti. Ma ti spiego meglio questi termini in questo articolo. Comunque sia un rapporto alto (direi tra 0,4 e 0,6) tra occhio e corpo garantisce un’ottima leggibilità, come nel caso del Verdana (immagine qui sotto).

leggiblità verdana

Readability o leggibilità di un testo

Il modo in cui un testo viene impostato, unito al livello di legibility di cui ti ho appena parlato, porta a un determinato livello di readability, ossia di leggibilità di un testo.

Quando si parla di leggibilità di un testo si parla di tutte quelle caratteristiche di forma, tracking, kerning, colore e tutte le altre proprietà che collaborano nel creare un aspetto complessivo che può essere più o meno readable, leggibile. Per esempio puoi voler ottenere un basso livello di leggibilità del testo perché questo fattore sarebbe un elemento importante del messaggio che vuoi trasmettere, oppure puoi dare un alto livello di leggibilità del testo perché il messaggio da dare è complicato ed è meglio semplificare tutti gli aspetti che lo circondano.

In ogni caso, la comunicazione viene prima dello stile e dell’aspetto esteriore. Quindi concentrati su quello. (twittami!)

Utilizzando lo stesso font, in questo caso il Frutiger, uno dei font preferiti dai designer, ma con caratteristiche di testo diverse (giustificazione, interlinea) si può avere una scarsa (a sinistra) o un’ottima (destra) leggibilità di testo. L’esempio a destra è molto più readable!

Readability

Se il tuo obbiettivo è ottenere un’alta leggibilità del testo ecco alcuni preziosi consigli:

  • Scegli font che progettati esattamente per l’utilizzo di cui hai bisogno. Ad esempio ci sono font progettati specificatamente per lunghi testi stampati, altri per titoli dal grosso impatto visivo, altri ancora per testi visualizzabili senza problemi da piccoli display e così via.
  • Allinea il testo a bandiera, e possibilmente a sinistra. Evita quindi testi centrati o giustificati se ti serve che essi siano fortemente leggibili
  • Dividi in paragrafi.
    Rendi ordinato il testo suddividendo il tutto in paragrafi. Questo non solo migliora l’aspetto visivo al primo impatto ma rende anche più chiaro il messaggio da dare, inserendo gli spazi bianchi (che sono importantissimi!) e cioè delle “pause programmate” per il lettore.
  • Utilizza nel modo corretto pesi e dimensioni.
    I font con peso “roman” o “regular”, sono adatti ai lunghi testi perché di spessore (peso) medio.
    Allo stesso tempo, è importante utilizzare sempre le giuste dimensioni di un font. Pensa che la maggior parte dei siti web ha dimensioni di testo troppo piccole! (Leggi come scegliere la dimensione dei font per un sito web)
  • Utilizza nel modo corretto l’interlinea.
    Se il tuo testo si dispiega su più linee (come ovviamente nel punto precedente), devi far si che il valore di interlinea sia maggiore della dimensione in punti del carattere. Solitamente si usa un’interlinea di circa il 120% delle dimensioni del corpo del carattere, ma questo va bene nelle piccole dimensioni mentre va generalmente ridotta all’aumentare del corpo.

 

Ok, leggibilità del carattere e leggibilità del testo erano gli aspetti oggettivi e quantificabili nel processo di scelta del carattere ma ci sono sicuramente degli aspetti che invece riguardano l’adeguatezza.

Prima di continuare, però, ti voglio far notare che tutto queste informazioni sono state frutto di giorni e giorni di lavoro di ricerca, scrittura e grafiche. Tranquillo, non ti chiedo nulla di oneroso, solo che mi fai un piccolissimo +1 su Google Plus! A te non costa nulla mentre per me è una bella soddisfazione! 🙂

[php snippet=4]

Grazie mille! Adesso si può parlare dei cosiddetti aspetti di adeguatezza di un font e infine elencherò alcuni preziosi consigli per scegliere un font nel miglior modo possibile.

Aspetti di adeguatezza di un font

Non ci sono font belli o brutti. Esistono solo font adeguati o inadeguati al progetto – Daniel Will-Harris (twittami!)

Per alcuni ambiti, un font è più adatto di un altro. E su questo non ci piove. È questione di adeguatezza, un aspetto che puoi imparare sia grazie alla tua esperienza personale con un font, sia analizzando la storia e gli scopi originali del font.

Qui ti voglio parlare di alcuni aspetti che possono influire sul considerare adeguato o inadeguato un font. Quindi, cosa rende un font adeguato?

1. Scopo progettuale

Ne ho accennato qualche paragrafo più in su ma voglio approfondire meglio la questione. Conoscere il preciso ruolo per cui un font è stato inizialmente progettato dal suo creatore è sicuramente uno dei modi migliori per sapere come utilizzarlo.

Ci sono alcuni font di cui si è scritto o parlato moltissimo  e dei quali non si può far finta di ignorare la storia. Se si usano font famosi e di utilizzo ben delineato come Cooper Black, Comic Sans, Frutiger, Gotham, eccetera nel modo errato si è semplicemente superficiali e si ottengono gli effetti negativi del creare qualcosa di superficiale.

Un modo per avere più informazioni possibili riguardo ai font è sicuramente la ricerca degli stessi su Google, ma anche, e soprattutto, leggendo libri dall’utilità comprovata. Su tutti io consiglio “Sei proprio il mio typo” di Simon Garfield, un libro geniale che racconta, in modo divertente e interessante, la storia e l’utilizzo di alcuni dei font più famosi di sempre (ci sono ad esempio tutti quelli che ho citato prima).

2. Aspetto estetico

Un altro importante fattore che condiziona il livello di adeguatezza di un carattere è indubbiamente l’aspetto esteriore, la sua estetica. E non mi riferisco al dire “bello”, “brutto”, “mi piace” o “mi fa schifo”. Mi riferisco al fatto che il font che sceglierai dovrà conformarsi alle aspettative estetiche del pubblico con cui quel font interagirà.

Ad esempio se si sceglie il font per una compagnia assicurativa, uno come il Brandon Printed o il Vag Rounded, per quanto font ottimamente progettati, non saranno sicuramente i più adeguati perché non trasmetteranno il giusto messaggio al potenziale pubblico di una compagnia assicurativa.

Forse un font più adatto al ramo assicurativo potrebbe essere un elegante serif come può essere il Minion Pro, oppure il Bembo o il Caslon.

Vag rounded e minion pro

Vedi la differenza?

Una tecnica per capire quale possa essere il messaggio trasmesso da un font è scrivere le prime parole (meglio se aggettivi) che ti vengono in mente osservandolo. Una volta scritte, chiediti: queste parole sono coerenti al messaggio che devo trasmettere? Questo font è adeguato?

3. Umore

Se hai letto i paragrafi precedenti, avrai già intuito che alcune definizioni di sovrappongono leggermente tra loro. Questo accade specialmente per quel che riguarda l’aspetto dell’umore che è una sorta di sintesi dinamica tra l’aspetto estetico di un font e la sua leggibilità (sia del carattere che del testo), ma anche del messaggio intrinseco che il testo scritto in un determinato font vuole trasmettere.

L’umore di un font è qualcosa di fortemente condizionato dal messaggio che viene percepito. Ad esempio un font può trasmettere delle sensazioni di eccitamento, di panico o di rilassatezza ma, durante la lettura di quello che è effettivamente scritto, la percezione può andare ad un altro livello e l’umore generale cambia.

Un esempio:

vag rounded e impact

Come vedi qui il Vag Rounded potrebbe avere più a che fare con la seconda parte del testo mentre l’Impact più con la prima. È una questione di umore trasmesso dai font. Di psicologia delle forme.

Un consiglio: se vuoi creare qualcosa dal forte impatto per l’umore cerca di pensare a quale sia il design con un umore totalmente opposto. Se non riesci a focalizzare bene un opposto significa che non hai focalizzato bene l’umore che vuoi trasmettere attraverso il carattere tipografico. Anche perché l’opposto di umore neutro… è umore neutro!

4. Scelte personali

Eh beh, ovviamente, quello che accade nel nostro cervellino di creativi influenza fortemente i nostri progetti! Capita spesso che, mentre stiamo decidendo il carattere da utilizzare, ne troviamo uno che ci sembra immediatamente perfetto, ci piace insomma.

Però il mio consiglio è di andarci piano con le decisioni “di pancia” e cercare di fare sempre un minimo di ricerca perlomeno sulla storia e gli utilizzi iniziali di quel font, per capire come interagire con esso.

Fare una ricerca sui font utilizzati, oltre ad essere un ottimo modo per ampliare costantemente le proprie conoscenze, è anche un modo per rispondere ad eventuali critiche che ti potranno essere mosse da clienti o altri designer nella fase della raccolta dei feedback.

Insomma, una risposta alla richiesta di motivare la scelta del font con “Boh, mi piaceva!” non è mai molto professionale, no?

Consigli pratici per scegliere il giusto font

OK, ho parlato molto della teoria che sta dietro allo scegliere font. Ho spiegato quali aspetti rendono un font più o meno leggibile e più o meno adeguato ad un progetto. Ora, però, è il momento di essere pragmatici e andare al sodo.

Qui ti elenco una serie di utilissimi consigli pratici per scegliere il font più giusto, il font più adeguato al tuo progetto. Questi consigli sono gli stessi usati dai migliori designer del mondo, fanne tesoro!

1. Pianifica una gerarchia

Cioè cerca di capire quanto contenuto, quanto testo devi scrivere con i font che hai da selezionare e decidi di quanti caratteri hai bisogno per scrivere quel testo. Ad esempio, decidi che ti serve un font per i titoli, uno per le didascalie e uno per i testi descrittivi. Ti basta un font che, tramite le sue varianti di peso o inclinazione ti permette un soddisfacente risultato o pensi che sia meglio selezionare due o tre (meglio non più di tre) per garantire una maggior differenziazione?

Capire le tue necessità e decidere il numero e grossomodo anche la tipologia di carattere da utilizzare è un passaggio fondamentale che ti permetterà di procedere in modo più ordinato nello scegliere un font.

2. Guarda quello che hanno già fatto altri

Che è tipo un consiglio che do in qualsiasi ambito per qualsiasi cosa. Che non vuol dire copiare eh! Vuol dire analizzare il mercato e capire che cosa ha già funzionato in passato per progetti simili al tuo e prendere spunto e ispirazione.

Non c’è il copyright sulle combinazioni di font, quindi se vedi in un progetto un’accoppiata vincente come la classica Georgia + Verdana perché non ri-utilizzarla?

Vuoi una chicca utilissima in questo ambito? Il sito Fontsinuse.com è di un’utilità incredibile perché ti mostra una marea di esempi di come i font sono stati utilizzati da altri designer e progettisti. Già, pure a me si sono illuminati gli occhi quando ho scoperto questo sito!

3. Fai esperimenti graduali

Scegliere il giusto font è un processo importante e non un’incombenza da risolvere in pochi minuti frettolosamente. Prenditi il tuo tempo e fai delle piccole modifiche graduali. Come un aggiustamento di uno spessore o di un’inclinazione e di volta in volta osserva il risultato per capire cosa funziona e cosa no.

Cerca di fare una sola modifica alla volta per evitare di perderti possibili combinazioni perfette nella fretta di modificare.

4. Evita i cliché

comic sans clichè

Evita quelle scelte così banali da lasciare quasi basiti. Spiego meglio quello che intendo con qualche esempio:

  • Non usare il Papyrus solamente perché stai lavorando su qualcosa che abbia a che fare con “l’antichità” (magari non usarlo proprio)
  • Non usare il Comic Sans solamente perché stai lavorando su qualcosa di giocoso o divertente (magari non usarlo proprio, parte II)
  • Non usare il Trajan solamente perché stai lavorando su qualcosa che ha a che fare con il mondo latino o romano
  • eccetera, eccetera

Semplicemente cerca di evitare quelle scelte scontate, banali e oggettivamente brutte da grafico di infima categoria. Te lo chiedo col cuore! E se le hai fatte in passato, fa niente! Impara dai tuoi errori e non ripeterti.

5. Utilizza le famiglie di font

Se ti serve usare più di un font ma hai comunque bisogno di ordine e di veicolare il messaggio da trasmettere attraverso un univo “umore”, le famiglie di font allora sono fatte per te.

Le famiglie di font sono quei font che, al loro interno, comprendo delle grandi varianti di peso e larghezza. Come ad esempio la famiglia Meta progettata nel 2003 da Erik Spiekermann che comprende 28 pesi e larghezze diversi o l’Univers di Adrian Frutiger del 1956 che ne aveva 24.

Ci sono addirittura famiglie estese di font che comprendono sia le versioni serif che le sans serif, oppure le versioni squadrate e quelle arrotondate e così via.

6. Attieniti alle combinazioni standard

Quando ti senti bloccato, o magari sei vicino alla scadenza della tua consegna, risolvi tutto puntando su delle combinazioni di font dalla comprovata validità. Una l’ho citata qualche paragrafo più in su ed è il Georgia (serif) più il Verdana (sans serif) che sono tra le combinazioni più utilizzate nel mondo del web.

Anche perché ci sono dei font che, rassegnati, non staranno mai bene uno a fianco all’altro, quindi tanto vale avvalerti delle miglior combinazioni di font, no?

Ad esempio per l’intestazione di questo articolo ho deciso di andare sul sicuro scegliendo una combinazione dalla comprovata qualità: Minion + Myriad.

Se vuoi approfondire l’argomento, ho scritto una guida completa su come abbinare i font con una serie di consigli e risorse utili!

7. Vai sul sicuro con i font più popolari

Logica conseguenza del punto di prima è quella di avvalersi dei caratteri più apprezzati, che siano i preferiti dai designer o i più venduti di sempre, non importa. Molto spesso i font più amati e diffusi hanno raggiunto quel livello di diffusione proprio grazie alle loro incredibili qualità intrinseche. Approfittane senza sentirti in colpa!

Puoi anche crearti una tua lista personale di font che ti hanno garantito i migliori risultati professionali e aggiornarla di volta in volta con le migliori “scoperte” in questo ambito.

Regola finale: rompi le regole!

Eh già. Lo dico sempre: una volta che conosci bene le regole della progettazione puoi permetterti di romperle! (twittami!)

Aver compreso per bene le regole descritte in questo articolo ti permette di capire quali regole puoi rompere e come farlo. È anche un modo per distinguerti e rendere il tuo progetto unico e riconoscibile.

Pensa al di fuori della scatola! Ma solo dopo aver capito com’è fatta quella scatola. (twitta pure questa frase, visto che oggi sono in vena eheh!)

Risorse utili

Prima di concludere questo lungo articolo (più di 3500 parole!!), vorrei consigliarti alcune utili risorse per approfondire gli argomenti trattati in questo articolo che, seppure lungo, non può coprire un argomento enorme come quello dei font, della tipografia e della psicologia legata allo scegliere un font.

Proprio per questo ho deciso di creare il primo corso online dedicato ai designer su font e tipografia: Font-Ninja!

Banner Fine articoli

sei proprio il mio typo

Un’altra risorsa di cui voglio parlarti l’ho in realtà già citata nell’articolo e si tratta del libro di Simon Garfield “Sei proprio il mio typo”. Come detto è un libro che coniuga al meglio un sacco di informazioni utili e interessanti con un modo di raccontare semplice, chiaro e diretto.

Ad esempio vi spiega da dove nasce il celeberrimo Comic Sans e perché ha avuto tutto questo successo negli anni ’90 o qual è la storia dell’Helvetica o ancora di Eric Gill, creatore di font come il Gill Sans e Perpetua e molto altro. La chicca finale è la tavola periodica dei font, classificati secondo diffusione, importanza e notorietà.

Se invece sei più interessato all’aspetto tecnico dei caratteri, di come essi siano strutturati e come lavorare in modo professionale con essi, allora nella tua biblioteca non può assolutamente mancare “Caratteri, testo e gabbia. Guida critica alla progettazione grafica” di Ellen Lupton. Il libro, con i suoi tre capitoli “la lettera”, “il testo” e “la gabbia”, è strutturato come un percorso progressivo verso la conoscenza e la capacità di utilizzare i font al meglio. Consigliatissimo!

Infine ecco un brevissimo elenco di articoli provenienti dalla blogosfera americana che surclassa nettamente in qualità informativa i blog italiani (eccetto Grafigata! 😉 ) e che quindi meritano di essere citati:

Inoltre ho scritto anche l’articolo “Come abbinare i font” per parlare di quando si debbano scegliere non solo uno ma magari due o tre font nello stesso momento!

Conclusioni

Ok, anche questo articolo è concluso. Spero di averti dato informazioni utili e di averti fatto capire l’importanza della scelta del font in un qualsiasi progetto.

Ovviamente lo scegliere font è un processo complicato ma in ogni caso non arrenderti! Potrai avere 99 idee orribili o fallire 199 volte prima di ottenere quell’idea geniale che ti ripagherà per tutto il tempo “perso”. La scelta dei font, in particolare, è una cosa importante e impegnativa ma anche estremamente divertente per chi svolge questo compito con passione!

Alla prossima,

Lorenzo.

condividi

ISCRIVITI E SCARICA GRATIS L'EBOOK " SPRIGIONA LA TUA CREATIVITÀ"

Discussione:

  • Paolo t.

    Ottimo articolo! Ma potresti approfondire anche altre ambiti nella scelta del font! 😉

    • Ciao Paolo,
      Grazie per questo commento. Si, sicuramente scriverò ancora molto su questo argomento in futuro, ovviamente un solo articolo non è abbastanza 🙂
      L.

  • Flavia

    Ottimo il punto 4, soprattutto dove si dice “oppure non usarlo proprio” 😉
    E ottima la regola finale, ammesso che si conoscano le regole del gioco.
    Grazie, come sempre, F.

    • Grazie a te Flavia per questo commento! 🙂
      Forse è proprio il bello di conoscere le regole: il sapere come romperle per fare cose migliori!
      L.

  • Roberta Doppiu

    Dico solo: grazie!

    • Ciao Roberta. Davvero, grazie a te per questo commento! Ogni qual volta mi rendo conto di esser stato utile anche solo per una persona per me è una grande soddisfazione 🙂
      L.

  • Lo trovo un ottimo articolo, sopratutto per gli spunti che offri. Mi sono iscritto al tuo blog e ho condiviso su google +. Serve altro? ehehe

    • Ciao Lorenzo!
      Grazie mille davvero. Mah, dai, diciamo che per oggi può bastare ahah 😉
      Sono contento di averti tra i lettori,
      L.

  • CameronJarelleNewton

    thanks for your job! It’s Amazing!

    • Grazie mille! 🙂
      (o Thank you very much, as you prefer! 😀 )

  • Noemi Romano

    Bellissimo articolo! Sono una studentessa di una scuola grafica del quinto anno! Userò questo articolo come materiale per la tesina d’esame intitolata “The Theory Of Font”! Grazie mille! 😀
    -Noemi

    • Ciao Noemi!
      Grazie mille, sono onorato di essere tra le fonti della tua tesina! 🙂 Continua a seguire Grafigata che magari ti faccio arrivare qualche altro spunto interessante dai! 🙂 E spero che mi farai sapere come si sviluppa il tuo progetto!
      L.

  • Molto interessante, mi piace come esponi in modo semplice argomenti specifici o delicati, e in generale come gestisci il blog. Ben fatto!

    • Ciao Francesca!
      Grazie davvero, cerco sempre di descrivere ogni componente di quello di cui parlo nel modo più chiaro e diretto e il fatto che si noti mi riempe di orgoglio 🙂
      Grazie ancora,
      L.

      • Ciao Lorenzo,
        so che un complimento semplice e sincero può essere un grande sprone per i nostri progetti personali. Era il minimo per potevo fare dopo aver letto il tuo bell’articolo. ^^

  • Gioacchino Brizzi

    Ho trovato un altro sito simile a Fontsinuse.com, ovvero ifontyou.com

    • Grazie mille! Però per adesso mi sembra ancora un po’ limitato, ci sono “pochi” font. È sicuramente da tenere d’occhio per come si svilupperà 🙂
      L.

  • Enigmamma

    molto interessante! stavo cercando proprio questo! 🙂

    • Ciao! Sono contento che sia stato quel che ti serviva allora! 🙂
      Tra l’altro, “Enigmamma”, nome geniale eheh 🙂
      L.

      • Enigmamma

        Grazie..frutto di anni e anni di dubbi genitoriali! Cmq il sito che hai segnalato come chicca è splendido

        • Vero? Un ottimo ed utile sito! Anche se per certi font un po’ più “di nicchia” non c’è poi così tanto materiale 🙂 Ottimo comunque!
          L.

  • Matteo Rigotto

    Primo articolo che leggo di questo blog, molto interessante 🙂 sto finendo la scuola professionale di grafica e la graphic design mi sta piacendo molto, sto iniziando a progettare delle t-shirt con delle grafiche tipografiche (si dice così?).
    Comunque questo è il primo sito che trovo mirato per le persone come me, grandissimo continuate così 🙂

    • Ciao Matteo!
      Innanzitutto grazie. Grafiche tipografiche, visto che la tipografia è la “materia” dei font, mi immagino sia qualcosa che gioca sull’utilizzo dei font, giusto? 🙂 Comunque pure io in passato mi ero buttato nel mondo delle t-shirt riscontrando pure un discreto successo, quindi ti auguro di spaccare!
      P.s.: sono solo io in questo blog! eheh 🙂

  • Laura

    E’ semplicemente splendida… una guida davvero ottima!
    Mi sono diplomata in grafica pubblicitaria un paio di anni fa e purtroppo per problemi tecnici non sono riuscita ad esercitare nemmeno a livello amatoriale…
    In attesa di rimettermi in carreggiata sto divorando le tue guide, continua così!

    • Ciao Laura!
      Buono sono contento di esserti utile e spero davvero che riuscirai a rimetterti in carreggiata! Nel frattempo leggi tutto tutto tutto eh! 🙂

  • ilpuzzolo88

    Ciao, so’ che alcuni font hanno il copyright, mi domandavo dunque, quali potrei utilizzare per un’eventuale, chessò… libro da pubblicare?

  • mirko

    fantastico!

  • Francy BurroeZucchero

    ciao Lorenzo! bellissimo il tuo sito e molto interessnate questo articolo sui font. Quel libro mi tenta.. io ho un blog di cucina a cui voglio cambiare il look e sto prendendo spunti in qua e là! ripasserò senz’altro!

  • Gianluca Farina

    Troppo Bravo! Grazie

  • Gianella Cubas

    sono una studentessa di grafica alle prese dell’abbinamento dei vari font, complimenti, siete stati chiari e precisi… imparo più in questo blog che a scuola lol

  • Giampaolo

    Grazie stavo proprio cercando una spiegazione esauriente della logica alla base delle scelta dei font 😀 il blog in generale è bellissimo complimenti!
    Hai consigli per quanto riguarda le newsletter? Ho sempre mille dubbi perché temo che i testi non siano visualizzati bene…poi trovo sempre pareri discordanti sull’uso dei colori e di dimensioni diverse dei caratteri per evidenziare porzioni di testo…qui ho trovato qualche spunto utile http://www.opendem.it/l-utilizzo-dei-font-nelle-newsletter-consigli-e-suggerimenti-pratici.html ma ad esempio non sono sicuro delle dimensioni migliori per chi legge da smartphone 🙁

  • Molto carino.. mi è stato molto utile, anche perché sto progettando un volantino per la mia società di intermediazione assicurativa. quindi mi sa tanto che andrò a cercami un serif. 😀 ho scoperto questo sito grazie a questo post e ora me lo metto nel cassetto degli attrezzi che non si sa mai.

    • Ciao Andrea!
      Sono contento di questa tua scoperta e ti consiglio anche di iscriverti alla newsletter per scoprire ancora più cose sul progetto di Grafigata! 🙂 grafigata.com/iscriviti/
      Un abbraccio,
      Lorenzo

  • Sasha Chirico

    Sei un grande, ottimo articolo!

  • Maurizio Massini

    Grazie Lorenzo,molto interessante….forse è’ la prima volta che leggo per intero una delle centinaia di mail che arrivano….

    • Ciao Maurizio!
      Grazie a te per seguirmi e per leggere le mie mail!

  • Mirko Piffer

    Ottimi spunti, grazie!

  • Gloria Bergia

    Mi sa che ci “perderò” le notti a leggere tutto ciò che scrivi!! Bravissimo continua così! ????