Lorenzo MigliettaLorenzo Miglietta

Il 2014 nella grafica e nel design

0 COMMENTI

2014 nella grafica e nel design

Il 2014 è stato un anno molto importante per il mondo della grafica e del design. Numerosi nuovi trend sono emersi mentre altri sono affondati e l’intero settore ha avuto un forte dinamismo a livello globale, complice la leggera ripresa economica mondiale dopo il recente periodo di crisi, forse.

Oltre che un anno importante e dinamico per la grafica e il design, lo è stato sicuramente anche per me. Quest’anno infatti ho creato Grafigata, progetto su cui sto investendo molto. Colgo questa occasione per ringraziare tutti voi che seguite il blog! Siete quasi 300 sulla pagina facebook, più di 30 utenti si sono già iscritti alla newsletter settimanale (iscriviti anche tu!) e continuano ad arrivare decine di commenti, messaggi privati, condivisioni e interazioni sociali. E per questo vi ringrazio.

Maa bando alle ciance! Torniamo in tema: in questo articolo vi voglio parlare di alcuni di quelli che sono stati i trend, le novità e le conferme più importanti nel corso di questo 2014. Cominciamo? Allora…

I siti “parallax scrolling” sono trend!

Si, ok ma di cosa sto parlando? Spiego meglio: la parallax scrolling è una particolare tecnica di scrolling (scorrimento) nell’ambito della computer grafica e nata nel mondo dei videogames. La caratteristica è sostanzialmente che le immagini in primo piano scorrono più velocemente rispetto a quelle in secondo piano, dando un effetto di profondità anche nella grafica 2D.

Questa tecnica è stata negli ultimi anni applicata anche al web design. Sono sempre più diffusi, specialmente in quest’ultimo anno, i siti che presentano una navigazione basata sull’interazione dell’utente nel muovere la rotellina del mouse o le frecce della tastiera.

Se si vuole creare un sito dinamico e con un forte impatto visivo, la navigazione parallax è sicuramente la scelta migliore. Alcuni esempi? Eccoti accontentato, questi sono (a mio parere) i più fighi del 2014:

gameboy parallax scrolling
Il sito per commemorare i 25 anni del Nintendo Gameboy.
britishlegion parallax scrolling
Un altro sito stupendo, basato su animazioni e illustrazioni è quello della Royal British Legion.

C’è stata la definitiva diffusione delle infografiche

Infografica sulle Infografiche (fonte all'interno dell'immagine)

Il 2014 è stato sicuramente l’anno che ha consacrato l’infografica a strumento preferito per la diffusione delle informazioni specialmente su internet. Le persone le amano, le condividono e si divertono a leggerle. Sono diventate anche un importante strumento di marketing aziendale e un nuovo modo di rappresentare, ad esempio, i propri successi personali e aziendali. Sono uno dei modi migliori ed efficace per raggiungere velocemente l’attenzione del lettore.

Se non sai di cosa sto parlando, scopri cosa sono e quali sono le regole per renderle e efficaci.

Il “radiant orchid” è stato il colore dell’anno (o forse no)

Pantone Radiant Orchid

Ogni anno l’azienda Pantone, produttrice di vernici e colori, con una sua particolare e utilizzatissima scala cromatica, tenta di definire quale sarà il colore trend dell’anno successivo. Così, ad esempio, nel 2000 il colore scelto era l’evocativo Cerulean Blue, nel 2006 il rilassante Sand Dollar e nel 2010 il Turchese.

Nel 2014, tutti quanti ci siamo accorti che, nel mondo del design, della moda e della grafica, il colore dell’anno è sicuramente stato il Radiant Orchid, codificato come pantone 18-3224 TPX, una sorta di sfumatura di rosa. L’abbiamo infatti visto ovunque, vero? O forse mi sa proprio di no. Mah, sarà che è un colore molto complicato da utilizzare su larga scala a causa della psicologia dei colori ma io davvero l’ho visto pochissime volte. Ho prestato poca attenzione secondo te?

Boh, diamo ancora fiducia a Pantone e speriamo nel colore 2015, che, a quanto pare, sarà il Marsala (e questo mi piace parecchio effettivamente).

Il flat design ha rimpiazzato lo scheumorfismo

Scheumorfismo e flat design

No, Lorenzo, scusa ma non ho capito nulla di quello che hai detto! Scheu che coosa?

Forse è meglio che mi spiego meglio. Iniziamo a dire che lo scheumorfismo è, come dice Wikipedia, un ornamento fisico o grafico apposto su un oggetto allo scopo di richiamare le caratteristiche estetiche di un altro. Fin qui tutto chiaro vero?

Di esempi nel mondo della grafica in questi anni ce ne sono a bizzeffe (eh, che bella parola!), ad esempio tutte quelle app tipo block notes che avevano la grafica che ricordava, effettivamente, dei fogli di carta o dei post-it. Oppure le icone delle app che rimandavano a determinati oggetti reali o materiali esistenti. Di scheumorfismi ce ne sono ovunque, comunque.

Il trend, nel corso del 2014, soprattutto nella grafica e nel web design, è stato quello di rimpiazzare lo scheumorfismo con il flat design, il “design piatto”. Ovvero icone, loghi e layout estremamente minimali, senza sfumature, con effetti appiattiti e 2D. L’esempio più famoso ed efficace in questo senso è stato il recente rebranding (qui spiego cosa vuol dire) da parte di Microsoft, come si può vedere in questa schermata di Windows 8.

Flat design

Se vuoi approfondire la questione Flat vs Skeu, ho scritto un esauriente articolo a riguardo.

Triangoli, geometria, sfaccettature

Logo trend 2014

Questo è davvero stato il trend più dilagante nella grafica, soprattutto nell’ambito del logo design. È stata una tendenza strettamente legata alla diffusione del flat design che ora, dopo aver raggiunto il picco di diffusione proprio nel 2014, sta forse scemando.

Sto parlando di tutte quelle figure astratte e stilizzate rese tramite figure geometriche (soprattutto triangoli ed esagoni), wireframes (il cosiddetto “effetto fil di ferro”) e oggetti sfaccettati che assumono le forme dei cristalli.

È stata davvero una moda dilagante che ha contagiato più volte anche me in alcuni miei progetti, devo ammetterlo!

Stampa 3D sempre più diffusa e accessibile

stamp 3d 2014

Nel corso del 2014 c’è stato un costante aumento di domanda per il settore della stampa 3D. Questa recente (ma non più nuova) tecnica di produzione è ancora molto distante dalla diffusione industriale di massa ma sta diventando sempre più accessibile e sta dando sempre più opportunità al mondo del design e, soprattutto, dell’auto-produzione.

Un esempio? Si è parlato molto di 3DiTALY una catena di store (già 5 sparsi per l’Italia) che, su commissione, progettano e producono con stampanti 3D i più svariati oggetti.

E nel 2015?

Il 2015 si appresta ad essere un anno ancora più dinamico e ricco di innovazioni e cambiamenti rispetto al 2014, nuovi trend stanno già emergendo, molte mode si stanno diffondendo nella società e sicuramente ne vedremo delle belle.

Di sicuro nel 2015 potrete ancora seguire Grafigata perché il progetto è ancora molto ambizioso e di cose da dire, di cose di cui parlare, ne ho ancora moltissime!

Nel frattempo, che ne pensi? Hai notato pure te questi trend nel corso dell’ultimo anno? O pensi che ce ne siano stati altri più particolari o più importanti? Sicuramente ho dimenticato qualcosa, fammi sapere cosa, come al solito, qui sotto tra i commenti, rispondo sempre! 🙂

Alla prossima, Lorenzo.


Immagini tratte da Google Immagini.

 

Discussione: